Apri il menu principale

Filippo Masolini

allenatore di calcio e calciatore italiano
Filippo Masolini
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Cesena Under 17
Ritirato 2006 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1985 600px Azzurro e Bianco (Strisce).svg Persicetana
1985-1987 Modena
Squadre di club1
1987-1988 Modena 35 (6)
1988-1990 Cesena 7 (0)
1990-1991 Brescia 46 (3)
1991-1994 Cesena 53 (3)
1993-1996 Fidelis Andria 85 (14)
1996-1997 Genoa 36 (9)
1997-1999 Monza 59 (10)
1999-2000 Como 10 (3)
2000-2001 Cremonese 13 (0)
2001-2003 Triestina 72 (5)
2003-2004 Torino 8 (0)
2004-2005 Pisa 18 (0)
2005-2006 Lumezzane 42 (5)
Carriera da allenatore
2006-2007 Treviso (vice)
2007-2008 Padova (vice)
2009 Grosseto (vice)
2009-2011 Cesena Giovaniss.
2011-2012 San Marino Giovaniss.
2012-2013 Santarcangelo
2014-2016San MarinoUnder 15
2016-2017 Azzurro e Bianco2.svg San Marino Academy Under 14
2017-2018 Azzurro e Bianco2.svg San Marino Academy Under 15
2018-2019 Azzurro e Bianco2.svg San Marino Academy Under 16
2019-CesenaUnder 17
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 febbraio 2013

Filippo Masolini (San Giovanni in Persiceto, 12 aprile 1970) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Cresciuto nel vivaio della Persicetana, passa nel 1985 ad incrementare quello del Modena dove esordisce in Serie B nel 1986-1987. Nella stagione 1988-1989 viene acquistato dal Cesena dove in una stagione e mezza in Serie A raccoglie 7 presenze. Nell'ottobre del 1989 passa in prestito al Brescia in Serie B per una stagione e mezza, al termine delle quali torna in bianconero, coi romagnoli retrocessi tra i cadetti, fino al 1993.

Viene quindi acquistato dalla Fidelis Andria dove disputa tre campionati di Serie B e la stagione successiva dal Genoa dove ottiene la sua migliore prestazione in termini di marcature (nove gol).

Nel 1997 passa al Monza mentre nel 1999 scende di categoria accasandosi al Como. Dopo sola mezza stagione passa ad una nuova società lombarda, la Cremonese con la quale scende in Serie C2.

A gennaio 2001 passa alla Triestina di Ezio Rossi dov'è protagonista di due promozioni consecutive che portano la società dalla Serie C2 alla Serie B: quando a fine stagione Rossi passa al Torino, decide di seguirlo alla società granata, che però lo cede dopo mezza stagione al Pisa. L'ultimo trasferimento è datato gennaio 2005 quando passa al Lumezzane, dove al termine della stagione 2005-2006 abbandona il calcio giocato.

AllenatoreModifica

Dopo il ritiro, entra subito nello staff di Ezio Rossi in qualità di vice, seguendolo perciò nelle esperienze al Treviso al Padova e al Grosseto.

Nell'estate 2009 allena la formazione Giovanissimi Nazionali del Cesena. Successivamente nel luglio 2011 allena i Giovanissimi Nazionali del San Marino.

Il 21 giugno 2012 assume la carica di allenatore del Santarcangelo. L'11 febbraio 2013 viene sollevato dall'incarico.

Collegamenti esterniModifica