Apri il menu principale

Francesca Scopelliti

giornalista e politico italiano
Francesca Scopelliti

Segretario del Senato della Repubblica
Durata mandato 16 marzo 1996 –
11 giugno 2001
Presidente Nicola Mancino

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XII, XIII
Gruppo
parlamentare
Forza Italia
Circoscrizione Lombardia e Marche
Incarichi parlamentari
  • XIII
    • Componente della II commissione permanente (Giustizia)
    • Componente e vicepresidente della commissione speciale in materia d'infanzia
    • Componente della commissione parlamentare per l'infanzia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lista Pannella, Forza Italia
Professione giornalista

Francesca Scopelliti (Nicotera, 20 gennaio 1951) è una giornalista e politica italiana.

BiografiaModifica

Compagna di Enzo Tortora, lo segue nella sua adesione al Partito radicale e, dopo la morte di lui, ne continua la battaglia garantista.

Alle elezioni politiche del 1994 è eletta al Senato con la Lista Pannella-Riformatori in Lombardia. Nel 1996 viene rieletta al Senato, nelle Marche, per Forza Italia, fino al 2001. Diviene Segretario della Presidenza del Senato, vicepresidente della commissione speciale per l'infanzia e componente della commissione Giustizia.

Eletta consigliere comunale a Magliano in Toscana nel 2004[1], si dimette qualche mese dopo perché nominata assessore allo Sviluppo sostenibile del comune di Grosseto[2][3], dove resta in carica fino al 2006.

È presidente della Fondazione Internazionale per la Giustizia Enzo Tortora.

Nel luglio 2010 aderisce alla componente finiana di Generazione Italia[4] e partecipa alla prima convention di Futuro e Libertà di Bastia Umbra. All'assemblea costituente di FLI del 13 febbraio 2011 è nominata nella segreteria nazionale del partito, fino allo scioglimento nel marzo 2013.

Il 12 novembre 2013 su Canale 5 a Matrix prende parte allo speciale Il caso Enzo Tortora[5].

Il 17 giugno del 2016 raccoglie in un volume le lettere che Tortora le inviò dal carcere: "Enzo Tortora - Lettere a Francesca", questo il titolo del libro edito dalla Pacini e voluto dalla Fondazione per la giustizia Enzo Tortora e dall'Unione Camere Penali.

Nel 2018 aderisce al PD e nel febbraio 2019 si candida all'Assemblea nazionale del Partito Democratico nella lista di Roberto Giachetti.[6]

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENno2016091001