Apri il menu principale

Francesco Foiera

cestista italiano
Francesco Foiera
Nazionalità Italia Italia
Altezza 207 cm
Peso 103 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala grande / centro
Squadra 600px Blu e Bianco2.svg Bellaria Basket
Carriera
Giovanili
Basket '82 Cesena
Squadre di club
1994-1999 A. Costa Imola 132 (898)
1999-2000 Varese 26 (84)
2000-2001 Roseto 35 (148)
2001-2002 Messina 27 (173)
2002-2004 B.C. Ferrara 51 (399)
2004-2005 Juvecaserta 31 (308)
2005-2008 B.C. Ferrara 90 (888)
2008-2009 Basket Livorno 28 (233)
2009-2010 Veroli Basket 37 (281)
2010-2011 Fulgor L. Forlì 15 (111)
2011 Crabs Rimini 16 (67)
2011 N.B. Brindisi 0 (0)
2011-2013 A. Costa Imola 39 (305)
2013-2015 Basket Ravenna 50 (406)
2015-2018 Crabs Rimini 83 (885)
2018- 600px Blu e Bianco2.svg Bellaria Basket
Nazionale
1996 Italia Italia U-20 2 (0)
1997 Italia Italia sperimentale 3 (0)
1997 Italia Italia 3 (7)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 25 settembre 2018

Francesco "Charlie" Foiera (Cesena, 15 settembre 1975) è un cestista italiano.

CarrieraModifica

Cresciuto nelle giovanili del Basket '82 Cesena, Foiera passa dalla Serie C alla B1 quando, complici gli infortuni dei lunghi Zanetti e Gavagnin, l'Andrea Costa Imola lo preleva a stagione già iniziata del campionato 1994-95[1], annata in cui la formazione imolese è promossa in A2. Tre anni più tardi Imola compie un nuovo salto di categoria arrivando in A1, così Foiera esordisce nella massima serie.

Nel 1999 approda alla Pallacanestro Varese, formazione campione in carica avendo vinto lo scudetto l'anno prima: qui Foiera si ritaglia 11,7 minuti di minutaggio medio. Nella stagione successiva veste la canotta del neopromosso Roseto Basket, con cui arriva fino ai quarti di finale dei play-off di A1, persi contro la Virtus Bologna di Ettore Messina.

Nel 2001 scende in alla Pallacanestro Messina in Legadue, campionato nel quale militerà nelle annate seguenti. Dal dicembre 2002 all'estate 2004 scende in campo indossando la divisa del Basket Club Ferrara, poi ha un'esperienza annuale alla Juvecaserta dove è capitano. Ritorna quindi a Ferrara, dove al suo ultimo anno di permanenza contribuisce da capitano alla promozione del club estense in Serie A. La sua carriera continua, sempre in Legadue, con le tappe a Livorno e Veroli.

Nell'estate 2010 fa ritorno nella sua Romagna firmando un biennale con la Fulgor Libertas Forlì, appena promossa in Legadue. Qui gioca qualche mese fintanto che, complice il pessimo momento della squadra forlivese, viene messo sul mercato. Il gennaio seguente passa in prestito ai Crabs Rimini fino al termine del campionato.

Nel settembre 2011-12 ottiene un contratto mensile a gettone con l'Enel Brindisi: durante questo periodo non disputa alcuna gara di campionato, solo una partita di coppa contro Ostuni mentre il pivot titolare Craig Callahan otteneva il passaporto italiano[2]. Successivamente Foiera è ritornato all'Andrea Costa Imola, inizialmente limitandosi agli allenamenti con la squadra, fino alla proposta di contratto del gennaio 2012 in seguito al grave infortunio occorso al giovane lungo Davide Andreaus.

Nell'agosto 2013 firma per l'Acmar Ravenna, in Serie A2 Silver, dove milita per due stagioni.

Nell'estate 2015, alla soglia dei 40 anni, scende in Serie B per vestire la canotta dei Crabs Rimini, già indossata in Legadue pochi anni prima.

Tre anni più tardi firma in Serie D con il Bellaria Basket.

PalmarèsModifica

StatisticheModifica

Cronologia presenze in nazionaleModifica

NazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e dei punti in Nazionale -   Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Punti Note
23/12/1997 Madrid Brasile   80 - 86   Italia Torneo amichevole 0
24/12/1997 Madrid Real Madrid 71 - 64   Italia Torneo amichevole 0
25/12/1997 Madrid Nuova Zelanda   56 - 70   Italia Torneo amichevole 7
Totale Presenze 3 Punti 7


NoteModifica

  1. ^ Foiera e Imola, c'eravamo tanti amati, Legadue Basket, 21 ottobre 2010.
  2. ^ Aget Imola-Foiera tredici anni dopo ancora insieme, Legadue Basket, 13 gennaio 2012.

Collegamenti esterniModifica