Apri il menu principale

Il Fronte Nazionale Progressista (in arabo: الجبهة الوطنية التقدمية, al-Jabha al-Waṭaniyyah at-Taqaddumiyyah, NPF) è un'alleanza politica di partiti in Siria che sostiene l'orientamento socialista e nazionalista arabo del governo e accetta il "ruolo guida" nella società del partito arabo socialista Ba'ath, il più grande partito nel NPF.

StoriaModifica

Il Fronte è stato istituito nel 1976 dal presidente siriano Hafez al-Assad per frenare la scalata al potere di partiti politici diversi dal partito Ba'ath. La costituzione prevede che il partito Ba'ath controlli il 50% più uno dei voti nel suo comitato esecutivo. Un certo numero di seggi nel Consiglio popolare della Siria è riservato ai membri dei partiti NPF diversi dal partito Ba'ath. Questi partiti minori sono obbligati per legge ad accettare la guida del partito Ba'ath. I partiti non baathisti nel Fronte progressista, per esempio, non sono autorizzati a fare propaganda 'nell'esercito o nel corpo studentesco, che sono "riservati esclusivamente al Baath".

Dal 1972 al 2011, solo le parti che partecipavano al NPF erano state legalmente autorizzate a operare in Siria. Il decreto legislativo del 2011, il decreto legislativo sulle elezioni generali del 2011 e la nuova costituzione siriana del 2012 hanno introdotto il sistema multipartitico in Siria.

Dopo essere stato precedentemente parte del NPF, il Partito Socialista Siriano si unì all'opposizione, Fronte Popolare per il Cambiamento e la Liberazione, per le elezioni del maggio 2012 in parlamento. Tuttavia, il SSNP ha sostenuto la rielezione di Bashar al-Assad nelle elezioni presidenziali del giugno 2014.

La coalizione ha una linea politica vicina alla sinistra patriottica araba.

Partiti della coalizioneModifica

L'NPF è composto da dieci partiti politici: