Gaio Sextio Calvino

Console romano nel 124 a.C.

Gaio Sextio Calvino [1] (... – ...; fl. II secolo a.C.) è stato un politico e generale romano del periodo della Repubblica.

Gaio Sextio Calvino
Console della Repubblica romana
Fondazione di Aquae Sextiae da parte di Sextio Calvino (Joseph Villevieille, 1900)
Nome originaleCaius Sextius Calvinus
GensSextia
Consolato124 a.C.

Biografia

modifica

Nel 124 a.C. divenne console. Continuò la conquista della Gallia Transalpina di Linguadoca. Sconfisse i Salluvi, catturò e distrusse il loro Oppidum di Entremont nel 123 a.C. e ne schiavizzò la popolazione. Inoltre, dispose le sue legioni tra il Rodano e il Varo, costringendo i galli e i liguri a 1000 passi dalla costa, concedendo questa striscia di terra a Marsiglia.

 
Ritratto immaginario rappresentante Gaio Sextio Calvino (Fontana dei Predicatori, Aix-en-Provence).

Nel 122 a.C. Calvino decise di trasformare il campo costruito a nord di Marsiglia in una colonia romana, la prima in Gallia Transalpina. Prende il suo nome: Aquae Sextiae (Aix-en-Provence).

Fonti antiche

modifica
  1. ^ William Smith, Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, 1, Boston: Little, Brown and Company, Vol.1 pag.585 n.1 Archiviato il 3 giugno 2006 in Internet Archive.
  2. ^ Broughton sostiene che Eutropio avrebbe confuso il nome di Sextio con quello di Domizio, il suo successore.

Altri progetti

modifica