Gaspare Altieri, I principe di Oriolo

Gaspare Altieri, I principe di Oriolo
GaspareAltieri.jpg
Gaspare Altieri, I principe di Oriolo, in un ritratto eseguito da Carlo Maratta
Principe di Oriolo
Stemma
In carica 1671 –
1720
Predecessore Titolo inesistente
Successore Emilio Altieri, II principe di Oriolo
Trattamento Sua grazia
Altri titoli Principe di Viano
Duca di Monterano
Principe di Rasina
Nascita Roma, 1650
Morte Roma, 9 luglio 1720
Dinastia Paluzzi degli Albertoni poi Altieri
Padre Angelo Albertoni, principe di Rasina
Madre Vittoria Parabiacca
Consorte Laura Caterina Altieri
Religione cattolicesimo

Gaspare Altieri, I principe di Oriolo, già noto come Gaspare Paluzzi Albertoni, (Roma, 1650Roma, 9 luglio 1720), è stato un principe italiano.

BiografiaModifica

Gaspare nacque a Roma nel 1650 circa, figlio di Angelo Paluzzi Albertoni, principe di Rasina, e di sua moglie Vittoria Parabiacca. Suo zio, fratello di suo padre, fu il celebre cardinale Paluzzo Paluzzi Albertoni che assunse anche il cognome di Altieri quando venne adottato come nipote da papa Clemente X nel 1670. Fu infatti proprio a causa del terrore per l'imminente estinzione in linea maschile della sua casata che papa Clemente, al secolo Emilio Altieri, beneficò questo cardinale consentendogli di assumere il suo cognome.

Lo stesso fece con Angelo Paluzzi Albertoni che dal 1670 ottenne di essere elevato al titolo di principe di Rasina e di mutare per sé e per la propria famiglia il proprio cognome in Altieri. Per consolidare il legame tra queste due famiglie e giustificare anche a livello genealogico l'assunzione del nuovo cognome, fu Clemente X stesso a organizzare il matrimonio tra sua nipote Laura Caterina Altieri e Gaspare, che venne celebrato dallo stesso pontefice nel 1671 e che portò quindi alla fondazione della dinastia dei principi di Oriolo.

Gaspare ottenne, oltre al titolo, anche il feudo di Oriolo, posto a breve distanza da Viterbo, dove egli si impegnò particolarmente a favore delle esigenze della locale comunità: nel 1675 avviò la costruzione di una chiesa con annesso un convento affidati ai frati minori riformati e dedicato a Sant'Antonio da Padova.[1] La concessione venne sottoscritta il 29 marzo con la fornitura da parte del principe del terreno necessario e di tutti i materiali per la costruzione, ma i frati avrebbero costruito in totale autonomia di manovalanza.[2] Nel 1708 Gaspare Altieri dotò il feudo di Oriolo anche di un macello che venne dato in affitto a terzi con l'obbligo di retribuire ogni mese 75 chilogrammi di carne al locale convento dei frati minori.

Amante delle arti e forte della propria posizione, dopo il ritrovamento della tomba dei Nasonii a Roma ottenne il permesso da papa Clemente X di poterne asportare alcuni affreschi su tufo e di porli nella propria villa sull'Esquilino così da salvarli dall'ambiente inadatto in cui si trovavano e preservarli successivamente, grazie anche alla collaborazione del celebre storico e scrittore d'arte Giovanni Pietro Bellori. Dei tre pannelli, quello nel quale è raffigurato un Edipo, venne osservato anche da Johann Joachim Winckelmann[3] nella seconda metà del Settecento ed ivi rimasero sino alla prima metà dell'Ottocento quando scomparvero misteriosamente.

Morì a Roma il 9 luglio 1720.

Matrimonio e figliModifica

Gaspare sposò a Roma nel 1670 Laura Caterina Altieri, figlia di Antonio Maria Altieri, e di sua moglie, la contessa Maria Virginia Carpegna. Da questo matrimonio nacquero i seguenti figli:

  • Emilio (n. 1670), II principe di Oriolo, sposò Costanza Chigi
  • Lorenzo, cardinale (n. 1671)
  • Antonio (n. 1672)
  • Girolamo Antonio (n.1673), III principe di Oriolo, sposò Maria Maddalena Borromeo Arese
  • Giovanni Battista (n. 1674), cardinale

Albero genealogicoModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Baldassarre Albertoni, I marchese di Rasina Angelo Albertoni  
 
Tarquinia Jacovacci  
Antonio Albertoni, II marchese di Rasina  
Clarice Bonfilioli  
 
 
Angelo Paluzzi Albertoni Altieri, III marchese di Rasina  
Orazio II di Carpegna, conte di Carpegna e di Scavolino Giovanni III di Carpegna, conte di Carpegna e Scavolino  
 
Beatrice Landriani  
Laura di Carpegna  
Laura Passionei Gianfranco Passionei  
 
 
Gaspare Altieri, I principe di Oriolo  
 
 
 
 
 
 
 
Vittoria Parabiacca  
 
 
 
 
 
 
 
 

NoteModifica

  1. ^ Tale dedicazione è da ritrovare nella devozione famigliare che il santo di Padova già aveva ispirato ai Paluzzi Albertoni che vantavano una cappella proprio in suo onore nella chiesa romana di Santa Maria in Aracoeli
  2. ^ Archivio comunale di Oriolo Romano, cfr. notaio Ferdinando Crescini, vol 27, pag. 651
  3. ^ J. J. Winckelmann, Geschichte der Kunst des Altertumst, 1763-68, vol. XI, cap. 2, par. 12; vol. VII, cap. 3, par. 8

BibliografiaModifica

  • Theodoro Amayden, La storia delle famiglie romane, Volumi 1-2, Ristampa anastatica Editore Forni, 1967, p. 42
  • S. P. Fox, Le raccolte di antichità del Palazzo e della Villa Altieri a Roma, Xenia Antiqua, III, pp. 197–200

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie