Genuzio Bentini

avvocato e politico italiano

Genuzio Bentini (Forlì, 27 giugno 1874Lodi, 15 agosto 1943) è stato un avvocato e politico italiano socialista.

Genuzio Bentini
Genuzio Bentini daticamera.jpg

Deputato del Regno d'Italia
In carica
LegislaturaXXII, XXIII, XXIV, XXV, XXVI
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoPartito Socialista Italiano
Titolo di studioLaurea in Giurisprudenza
UniversitàUniversità di Bologna
ProfessioneAvvocato

BiografiaModifica

Nato a Forlì in una famiglia che nel 1890 si trasferisce a Ravenna e nel 1892 a Bologna, si impegnò politicamente nel corso della sua vita opponendosi energicamente alla dittatura fascista.

Sin da giovane diffuse idee anarchiche sia nella scuola che nelle campagne, utilizzò lo pseudonimo di "Romagnolo" negli articoli scritti per il periodico anarcosocialista forlivese Rivendicazione,[1] nel 1891 pubblicò un opuscolo dedicato ad Amilcare Cipriani mentre la prefettura ravennate lo definì "discepolo fanatico dell'anarchico Lodovico Nabruzzi"[2] e fu tra gli organizzatori di una manifestazione a Borgo Saffi (quartiere di Ravenna), nel maggio del 1892. Venne quindi denunciato e condannato a pena detentiva.

Studiò giurisprudenza all'Università di Bologna, quindi si dedicò alla professione di avvocato nella città felsinea, dove si nel frattempo si era trasferito. Avvicinatosi al partito socialista, insieme a Ugo Lenzi fondò il settimanale socialista La Squilla e alle elezioni del 1904 fu eletto deputato per la circoscrizione di Castelmaggiore, mandato che gli venne riconfermato sino al 1921.

Il 23 giugno 1909 fu iniziato in Massoneria nella Loggia Otto agosto di Bologna, il 4 dicembre dello stesso anno divenne Maestro. Nel 1914, dopo che il congresso socialista di Ancona ebbe dichiarato l'incompatibilità tra l'appartenenza al partito e alla Massoneria, lasciò quest'ultima per rimanere membro del partito socialista[3].

Nel novembre 1911 difese in un processo a Forlì Benito Mussolini, all'epoca socialista massimalista, arrestato insieme a Pietro Nenni, segretario della nuova Camera del lavoro repubblicana[4], e a un giovane ventenne, Aurelio Lolli, per avere guidato a Forlì nel settembre 1911 una manifestazione pacifista contro la guerra di Libia. Bentini lo difenderà anche nel processo davanti alla Corte d'Appello di Bologna. E quando Mussolini sarà liberato il 12 marzo 1912, Bentini terrà l'indomani un appassionato discorso in occasione dei festeggiamenti organizzati dai compagni di partito in un albergo di Forlì.[5] Armando Borghi, l'anarchico, dirà che Mussolini "invidiava" solo tre oratori: Filippo Corridoni, Giuseppe Giulietti e Genuzio Bentini.[6] Con lo scoppio della prima guerra mondiale mantenne posizioni neutraliste.

Rieletto alla Camera nelle elezioni del 1919, il 18 dicembre 1920, poche settimane dopo la strage di Palazzo d'Accursio, fu aggredito da un gruppo di fascisti e nazionalisti. Confermato nel suo seggio parlamentare nelle votazioni del 1921, si batté la legge Acerbo. Passato al Partito Socialista Unitario, si candidò senza successo per le elezioni del 1924.

A causa delle continue minacce fasciste fu costretto a trasferirsi da Bologna a Milano. Più volte minacciato, si astenne dall'attività politica dedicandosi alla professione di penalista. Solo nel giugno 1925 si recò a Lugano a commemorare Giacomo Matteotti.[7] All'inizio della seconda guerra mondiale riprese i contatti con gli antifascisti forlivesi partecipando a incontri notturni e clandestini.

Morì a Lodi e la sua salma venne successivamente traslata alla Certosa di Bologna nella quale esiste ancora il suo monumento funebre.

NoteModifica

  1. ^ Valerio Varoli in Personaggi della vita pubblica di Forlì e circondario, Urbino, Edizioni Quattroventi, 1996, p. 109.
  2. ^ Valerio Varoli, op.cit. p. 108.
  3. ^ Vittorio Gnocchini, L'Italia dei Liberi Muratori, Roma, Erasmo ed., 2005, pp. 33-34.
  4. ^ I repubblicani erano usciti dalla Camera del Lavoro nel 1910 per fondare la propria organizzazione di difesa dei lavoratori.
  5. ^ Alberto Mazzuca, Luciano Foglietta, Mussolini e Nenni amici nemici, Bologna, Minerva Edizioni, 2015, p. 29.
  6. ^ Alberto Mazzuca, Luciano Foglietta, op. cit. p. 119.
  7. ^ Marco Viroli, Gabriele Zelli, Personaggi di Forlì II, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2015, p. 14.

BibliografiaModifica

  • F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movimento operaio italiano - Dizionario biografico (1853- 1943), Roma, Editori Riuniti.
  • Valerio Varoli, Genuzio Bentini in Personaggi della vita pubblica di Forlì e circondario,vol. 1, Urbino, Edizioni Quattroventi, 1996. ISBN 88-392-0236-6
  • Buscaroli B., Martorelli R. (a cura di), Luce sulle tenebre: tesori preziosi e nascosti della Certosa di Bologna, catalogo della mostra, Bologna, Bononia University Press, 2010.
  • Marco Viroli, Gabriele Zelli, Personaggi di Forlì, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2013. ISBN 978-88-6541-340-1
  • Alberto Mazzuca, Luciano Foglietta, Mussolini e Nenni amici nemici, Bologna, Minerva edizioni, 2015. ISBN 978-88-738-1589-1

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90289697 · ISNI (EN0000 0001 2213 3419 · SBN RAVV054754 · BAV 495/147522 · LCCN (ENnb2009014015 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2009014015