Gianna Ciao

partigiana, fotografa e scrittrice italiana

«Quasi tutte le mie fotografie si esprimono informalmente: la foto a colori nel suo ritrarre il fittizio e il simile, nel suo ripetersi, ha creato in me, e certo in altri, il bisogno di farla scoppiare, di dissolverla[1]»

Gianna Ciao Pointer (Roma, 21 dicembre 1922Genova, 28 ottobre 2008[2]) è stata una partigiana, fotografa e scrittrice italiana, perseguitata durante il nazifascismo per il suo orientamento sessuale[3].

BiografiaModifica

Nata a Roma nel 1922, si iscrisse alla Facoltà di lettere e filosofia, ma a causa delle sue posizioni politiche apertamente antifasciste - partecipò alle attività del Partito d’azione nella lotta contro il nazifascismo - non terminò gli studi.

Per molti anni visse all’estero, soprattutto a Saint-Paul-de-Vence in Francia, dove entrò in contatto con artisti, letterati e intellettuali come Joan Mirò, Jacques Prévert, Carla Vasio, Vita Sackville-West, Suzanne Solidor. Il suo lavoro fotografico venne indirizzato verso forme astratte, come ricerca sperimentale del linguaggio artistico. Espose in varie mostre, sia in Italia che all’estero e pubblicò diversi saggi sulla fotografia[4].

OpereModifica

  • Orbita obliqua[5] (1977)
  • La prigione[6] (1977)
  • Il motociclista[7] (1977)
  • Non date ai cesari. Le temporalità e il ritratto fotografico (1990)
  • Giuliana Traverso e le nude donne di Staglieno (1991)
  • La fotografia proibita: Prefazione di Pino Bertelli (1991)[8]
  • Cieli in utopia insieme a Pino Bertelli (1994)
  • Marlene Dietrich. Dal taccuino di due disertori dello schermo, insieme a Pino Bertelli (1994)
  • I cieli inadempienti (1996)

AltroModifica

  • Della fotografia trasgressiva: dall' estetica dei " freaks " all'etica della ribellione. Saggio su Diane Arbus. Prefazione di Alfredo De Paz. Presentazione di Gianna Ciao Pointer di Pino Bertelli (1990)

NoteModifica

  1. ^ Gianna Ciao, Roma – una mostra con tavola rotonda per ricordare Gianna Ciao fotografa e scrittrice il 6 maggio 2017, Il paese delle donne, 4 maggio 2017
  2. ^ Necrologio Ciao Gianna Genova, 28 ottobre 2008, in Il Tirreno, 28 ottobre 2008.
  3. ^ 25 aprile, la memoria dimenticata delle partigiane lesbiche: il caso di Gianna Ciao
  4. ^ La materia sensibile. Gianna Ciao fotografa e scrittrice, 6 maggio 2017, archiviaabcd.it
  5. ^ Orbita obliqua, Napoli, Società editrice napoletana, 1977.
  6. ^ La prigione, Napoli, Società editrice napoletana, 1977.
  7. ^ Il motociclista, Napoli, Società editrice napoletana, 1977.
  8. ^ Pino Bertelli e Gianna Ciao Pointer, La fotografia proibita, Halskratz Galerie Angelo Falzone.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica