Giorgio Cagnotto

tuffatore italiano
Giorgio Cagnotto
Giorgio Cagnotto 1972.jpg
Giorgio Cagnotto nel 1972
Nazionalità Italia Italia
Altezza 163 cm
Peso 60 kg
Tuffi Diving pictogram.svg
Specialità trampolino 3m
Squadra Lancia Torino
Termine carriera 1980
Hall of fame International Swimming Hall of Fame (1992)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Monaco di Baviera 1972 trampolino 3m
Bronzo Monaco di Baviera 1972 piattaforma 10m
Argento Montréal 1976 trampolino 3m
Bronzo Mosca 1980 trampolino 3m
Transparent.png Mondiali di nuoto
Bronzo Berlino Ovest 1978 trampolino 3m
Transparent.png Europei di nuoto
Bronzo Utrecht 1966 trampolino 3m
Oro Barcellona 1970 trampolino 3m
Bronzo Barcellona 1970 piattaforma 10m
Argento Vienna 1974 trampolino 3m
Argento Jönköping 1977 trampolino 3m
Statistiche aggiornate al 6 ottobre 2007

Franco Giorgio Cagnotto, conosciuto come Giorgio Cagnotto[1][2][3] (Torino, 2 giugno 1947), è un ex tuffatore e allenatore di tuffi italiano, dal 2000 tecnico federale della nazionale italiana.

BiografiaModifica

Dopo Klaus Dibiasi è stato il miglior atleta italiano di tutti i tempi in campo maschile in questa specialità. Nella sua lunga carriera, iniziata a livello professionale nel 1964 e conclusasi nel 1981, Giorgio Cagnotto ha ottenuto successi ai massimi livelli internazionali e degne di nota furono le medaglie olimpiche vinte ai giochi del 1972, del 1976 e del 1980, quando conquistò due argenti e un bronzo nei tuffi dai 3 metri e un bronzo in quelli dalla piattaforma da 10 metri. Nel 1991 è stato inserito nella International Swimming Hall of Fame, la Hall of Fame mondiale degli sport acquatici.

Vive a Bolzano con la moglie Carmen Casteiner, anch'essa campionessa italiana di tuffi negli anni '70, con la quale ha avuto una figlia, Tania.

Ha prestato il servizio di leva come vigile del fuoco presso il Comando di Torino e dopo il servizio militare ha continuato per un po' di tempo a fare il vigile del fuoco volontario discontinuo, ha fatto parte anche Gruppo Sportivo Fiamme Rosse come tuffatore.

Dal 2000 è divenuto commissario tecnico della nazionale italiana di tuffi. Sotto la sua guida hanno conquistato medaglie ai mondiali di nuoto la figlia Tania Cagnotto, Christopher Sacchin, Francesca Dallapé e Maicol Verzotto.[4].

Principali risultatiModifica

Agli EuropeiModifica

Alle OlimpiadiModifica

Ai MondialiModifica

  • Medaglia di bronzo nel 1978.

Ai Giochi del MediterraneoModifica

  • Medaglia d'oro nel 1971 dal trampolino.
  • Medaglia d'oro nel 1971 dalla piattaforma.
  • Medaglia d'oro nel 1975 dal trampolino.
  • Medaglia d'oro nel 1979 dal trampolino.

RiconoscimentiModifica

  Palma d'oro al Merito Tecnico
— 2019

NoteModifica

  1. ^ "Giorgio Cagnotto è nato a Torino il 2 giugno 1947 (Franco all'anagrafe)", cfr. http://www.treccani.it/enciclopedia/tuffi_%28Enciclopedia-dello-Sport%29/
  2. ^ Copia archiviata, su federnuoto.it. URL consultato il 15 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2017).
  3. ^ "Per l'anagrafe, il nome di battesimo è Franco. Tutti lo chiamano Giorgio.", cfr. http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2008/04/10/un-tuffo-nel-passato-dalla-lancia-alla.html
  4. ^ Franco "Giorgio" Cagnotto, Federnuoto. URL consultato il 17 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2016).
  5. ^ Sito ufficiale dell'Associazione Medaglie d'Oro al Valore Atletico

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica