Apri il menu principale

BiografiaModifica

Nacque ad Avezzano nel 1936, uno degli otto figli di Vincenzo Letta (uno tra i pochi della famiglia a scampare per caso, dodicenne, al Terremoto della Marsica del 1915 che uccise la madre e tutte le sorelle) e di Maria De Vincentis, figlia, quest'ultima, dell'avvocato presso il cui studio legale romano Vincenzo aveva fatto pratica dopo la laurea in legge. Tra i numerosi fratelli vi sono Gianni Letta (giornalista e politico), Cesare Letta (professore ordinario di storia romana all'Università di Pisa), Maria Teresa Letta, vicepresidente nazionale della Croce Rossa Italiana[1]

Laureatosi in matematica all'Università di Pisa nel 1958, ha poi frequentato la Scuola di Perfezionamento in Matematica presso la Scuola normale superiore, conseguendo il relativo diploma nel 1959[2].

Dopo la laurea, è stato borsista del Consiglio Nazionale delle Ricerche all'Università di Monaco di Baviera nel 1962; nel 1965 ha ottenuto la libera docenza in analisi matematica. Nel 1967 è divenuto professore di Calcolo delle probabilità presso l'Università di Pisa, insegnamento da lui tenuto fino al pensionamento nel 2007[2], anno dal quale è divenuto professore emerito[3].

È stato numerose volte visiting professor in Francia: nel 1971 a Paris VII e varie volte all'Università di Strasburgo[2].

Sposato con Anna Bianchi, è il padre del politico Enrico Letta ed è lo zio del dirigente d'azienda Giampaolo Letta (figlio di Gianni e amministratore delegato di Medusa Film).

Attività editorialeModifica

È autore di vari libri e testi nell'ambito dei suoi interessi scientifici: calcolo delle probabilità, processi stocastici, e teoria della misura[2].

Fa parte dell'Advisory Committee della rivista Rendiconti Lincei - Matematica e Applicazioni ed è membro del Governing Board della rivista Annali di Matematica pura ed applicata[2].

Riconoscimenti e affiliazioniModifica

PubblicazioniModifica

  • (FR) Mesure et intégration, Université de Strasbourg, Département de Mathématique, 1969.
  • Teoria elementare dell'integrazione, in Programma di matematica, fisica, elettronica, Boringhieri, 1976.
  • (FR) Martingales et intégration stochastique, in Quaderni, Edizioni della Scuola Normale Superiore, 1985.
  • (EN) con Aimé Fuchs, Une Introduction élémentaire au calcul stochastique de Kiyoshi Itō, Université de Strasbourg, Institut de Recherche Mathématique Avancée, 1988.
  • (EN) con Maurizio Pratelli (a cura di), Profbability and Analysis. Held at Varenna (Como); Italy, May, 31 - June 8, 1985, Springer Verlag, 1985, ISBN 978-3-540-40955-7.
  • Probabilità elementare. Compendio di teorie. Problemi risolti, in Collana di matematica. Testi e manuali, Edizioni Zanichelli, 1993.
  • Argomenti scelti di teoria della misura, in Quaderni dell'Unione Matematica Italiana, Pitagora, 2013.
  • Elementi di teoria dei processi stocastici, in Quaderni dell'Unione Matematica Italiana, 2016.

NoteModifica

  1. ^ Elezioni 2012 - Vertici Nazionali - Risultati, su Croce Rossa Italiana. URL consultato il 10 marzo 2017.
  2. ^ a b c d e f Scheda biografica socio (PDF), su Accademia dei XL. URL consultato il 10 marzo 2017.
  3. ^ a b Professori Emeriti, su Università degli Studi di Pisa. URL consultato il 10 marzo 2017.
  4. ^ Gli insigniti dell'Ordine del Cherubino anno per anno, su Università degli Studi di Pisa. URL consultato il 10 marzo 2017.
  5. ^ Scheda del socio accademico, su Accademia Nazionale dei Lincei, Roma. URL consultato il 10 marzo 2017.

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22204125 · ISNI (EN0000 0001 1605 7800 · SBN IT\ICCU\CFIV\043967 · LCCN (ENn86142609 · BNF (FRcb12285205x (data) · NLA (EN35901277