Apri il menu principale

Giuseppe Calandrelli

astronomo e matematico italiano
Giuseppe Calandrelli

L'abate Giuseppe Calandrelli (Zagarolo, 22 maggio 1749Roma, 24 dicembre 1827) è stato un astronomo e matematico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Persona di ottima indole e vivace ingegno, sotto la protezione del cardinale Flavio Chigi, nel 1768 completò il corso di filosofia e fu ordinato sacerdote. Destinato alla professione di avvocato, comprese che «falsa era la strada a lui segnata». Si ritirò dunque nel seminario di Magliano in Sabina in cui dimorò per quattro anni dedicandosi alle scienze naturali.

Dopo la soppressione della Compagnia di Gesù, quando la direzione del Collegio Romano fu affidata a sacerdoti secolari, il giovane Calandrelli si perfezionò nelle discipline scientifiche e divenne un sostituto del suo maestro Padre François Jacquier. Ottenne molti incarichi prestigiosi: lezioni di fisica al posto del defunto professore, direzione dell'Accademia di Fisica, incarico del Papa di munire di conduttori elettrici il palazzo pontificio del Quirinale e altri. Fondò a Roma la scuola di astronomia. Perfezionò il settore zenitale di nove piedi e determinò con grande precisione la latitudine della specola (41° 53' 54, 32).

Nel 1815 il Calandrelli fu sollevato dagli impegni della didattica e si dedicò interamente agli studi, fino al 1824, quando il Collegio Romano fu restituito alla Compagnia di Gesù. Egli si ritirò nel seminario di Sant'Apollinare, dove morì nella notte di Natale del 1827 a causa di una malattia infiammatoria. Le sue spoglie riposano nella chiesa di Sant'Apollinare.

AttivitàModifica

Tra i suoi lavori, studi e ricerche ricordiamo i più importanti:

BibliografiaModifica

  • Antonio Lombardi, "Elogj del Prof. Giuseppe Calandrelli e del matematico Ferroni", Modena 1838

Collegamenti esterniModifica