Golfo del Messico

golfo situato a Sud degli Stati Uniti e a Nord del Messico
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film, vedi Golfo del Messico (film).

Il golfo del Messico è uno dei golfi più grandi del mondo[1], situato nell'Oceano Atlantico, tra la costa dell'America settentrionale e centrale ad ovest e il mar dei Caraibi ad est.

Golfo del Messico
GulfofMexico3D.jpg
Il golfo del Messico in 3D
Parte diMar dei Caraibi
StatiMessico Messico
Stati Uniti Stati Uniti
Cuba Cuba
Coordinate25°N 90°W / 25°N 90°W25; -90
Dimensioni
Superficie1,6 milioni di km²
Lunghezza1500 km
Larghezza1 500 km
Profondità massima4 384 m
Volume2,5 milioni di km³
Idrografia
Immissari principaliMississippi
Cantarell

GeografiaModifica

Situato a Sud degli Stati Uniti e a Nord del Messico, e delimitato da due grandi penisole, lo Yucatán e la Florida, rispettivamente in Messico e negli Stati Uniti, comprende i litorali di undici stati: Florida, Alabama, Mississippi, Louisiana e Texas (per gli Stati Uniti) e Tamaulipas, Veracruz, Tabasco, Campeche, Yucatán e Quintana Roo (per gli Stati del Messico). Sul golfo si affaccia anche lo Stato di Cuba ed è collegato ad est al Mar dei Caraibi.

L'ampia sezione del golfo compresa tra la penisola dello Yucatán e la costa messicana assume la denominazione di baia di Campeche, mentre insieme al Mar dei Caraibi, forma il Mediterraneo Americano, espressione non riportata normalmente nelle carte, ma usata in oceanografia, geologia e biologia marina[2]. In esso viene generata la famosa Corrente del Golfo che rende abitabili la maggior parte delle coste atlantiche dell'Europa ed è inoltre luogo di formazione e transito di cicloni tropicali che qui prendono il nome di uragani a partire da tempeste tropicali che impattano poi sovente sulla costa messicana e statunitense o sulle isole caraibiche.

AmbienteModifica

Flora e faunaModifica

Tra le specie autoctone che vivono nei fiumi che si immettono nel golfo vi è il pesce gatto nebuloso (Ameiurus nebulosus).

NoteModifica

  1. ^ il secondo al mondo dopo il golfo del Bengala
  2. ^ Enciclopedia Universo ed anche Alain Rouquié L'America latina. Introduzione all'Estremo Occidente, Pearson Italia S.p.a., 2007 (pagina 333), consultabile qui.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN172930645 · LCCN (ENsh85084621 · GND (DE4039059-7 · J9U (ENHE987007531469405171