Graciliano Ramos

scrittore brasiliano

Graciliano Ramos de Oliveira (IPA: [gɾasili'ɐ̃nu 'ʁɐ̃mus dʒi oli'vejɾa]) (Quebrangulo, 27 ottobre 1892Rio de Janeiro, 20 marzo 1953) è stato uno scrittore e giornalista brasiliano.

BiografiaModifica

Prefetto di Palmeira dos Índios, descrisse nel suo primo romanzo, Caetés (1933), la ferocia dei rapporti sociali in una cittadina del Nordeste, attraverso le metafore dello «sciacallo» e dell'indio antropofago (caeté); seguì, con analoga tematica, San Bernardo (Sao Bernardo. 1934).

La partecipazione ai drammi degli oppressi gli costò la persecuzione politica: arrestato «per sovversione», durante la prigionia scrisse Angoscia (Angustia, 1936), uno dei suoi romanzi più sofferti. Riacquistata la libertà, pubblicò il romanzo più noto, Vite secche (Vidas sécas, 1938), descrizione della dura vita di una famiglia di contadini nomadi nelle terre inclementi del nordest brasiliano. Pubblicò ancora Infanzia (Infancia, 1945), i racconti di Insonnia (Insònia, 1947) e Memorie del carcere (Memorias de càrcere, 1953).

La narrazione di Ramos più che soffermarsi sulla descrizione di paesaggio o intrecci fra i personaggi, descrive l'individuo, inserito in un orizzonte ostile.

OpereModifica

RomanziModifica

Raccolte di raccontiModifica

  • A Terra dos Meninos Pelados (1939)
  • Histórias de Alexandre (1944)
  • Dois dedos (1945)
  • Histórias Incompletas (1946)
  • Insônia (1947)
  • Alexandre e Outros Heróis (1962), postuma

MemorieModifica

  • Infância (1945)
  • Memórias do Cárcere (1953), postumo

Raccolte di scritti giornalisticiModifica

  • Viagem (1954), postuma
  • Linhas Tortas (1962), postuma
  • Viventes das Alagoas (1962), postuma

Libri per bambiniModifica

  • O Estribo de Prata (1984), postumo

MiscellaneeModifica

  • Garranchos (2012), raccolta di 81 scritti inediti composti da articoli, epigrammi, testi di critica letteraria, discorsi, frammenti di racconti incompiuti ed un atto teatrale, postuma

EpistolarioModifica

  • Cartas (1980), postumo
  • Cartas de amor à Heloísa (1992), postumo

FilmografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN66485924 · ISNI (EN0000 0001 2137 2290 · LCCN (ENn78090515 · GND (DE11874898X · BNF (FRcb12052204w (data) · NDL (ENJA01173207 · WorldCat Identities (ENlccn-n78090515