Apri il menu principale

Graulichite-(Ce)

minerale
Graulichite-(Ce)
Classificazione Strunz8.BL.13[1]
Formula chimicaCeFe3(AsO4)2(OH)6[2]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallinodimetrico
Sistema cristallinotrigonale[3]
Parametri di cellaa=7,288(2), c=16,812(9)[3]
Gruppo puntuale3 2/m
Gruppo spazialeR 3m[3]
Proprietà fisiche
Densitàsuperiore a 3,9 (misurata), 4,42 (calcolata)[3] g/cm³
Sfaldaturaassente[3]
Fratturairregolare[3]
Coloreda verde chiaro a brunastro[3]
Lucentezzaresinosa[3]
Opacitàtrasparente[3]
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La graulichite-(Ce) è un minerale appartenente al gruppo della dussertite[2] descritto nel 2003 in base ad una scoperta avvenuta nella cava di Hourt nei pressi di Vielsalm, estremo sudorientale del Massiccio di Stavelot, Ardenne belghe in Belgio.[3]

Il minerale è l'analogo dell'arsenoflorencite-(Ce) contenente ferro al posto dell'alluminio.[3]

Il nome del minerale è stato attribuito in onore dell'ingegnere minerario belga Jean-Marie Graulich.[3]

MorfologiaModifica

La graulichite-(Ce) è stata scoperta sotto forma di cristalli romboedrici ben definiti di dimensione fra i 50 e gli 80 µm che formano aggregati sferoidali di 80-150 µm di diametro.[3]

Origine e giacituraModifica

La graulichite-(Ce) è stata trovata nella quarzite alterata associata ad arsenopirite, scorodite, mimetite, farmacosiderite e goethite.[3]

Questo minerale si è formato per ossidazione dell'arsenopirite cristallizzando nelle piccole cavità lasciate dalla lisciviazione della stessa.[3]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Gralicite-(Ce) mineral information and data - mindat.org, su mindat.org. URL consultato il 19 agosto 2013.
  2. ^ a b (EN) P. Bayliss, Kolitsch U., Nickel E. H., Pring A., Alunite supergroup: recommended nomenclature (PDF), in Mineralogical Magazine, vol. 74, nº 5, ottobre 2010, pp. 919–927. URL consultato il 19 agosto 2013.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (EN) F. Hatert, Lefevre P., Pasero M., Fransolet A. M., Graulichite-(Ce), a new arsenate mineral from the Stavelot Massif, Belgium (PDF), in European Journal of Mineralogy, vol. 15, 2003, pp. 733-739, DOI:10.1127/0935-1221/2003/0015-0733. URL consultato il 19 agosto 2013.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia