Apri il menu principale
Gustavo di Wasaborg
Gustav of Wasaborg (1616) c 1652 by Sébastien Bourdon.jpg
Gustavo di Vasaborg – Ritratto di Sébastien Bourdon
24 aprile 1616 – 25 ottobre 1653
Nato aStoccolma
Religioneluterana
Dati militari
Paese servitoSweden-Flag-1562.svg Impero svedese
Forza armataEsercito
GuerreGuerra dei trent'anni.
Battaglie
  • Battaglia di Oldendorf
voci di militari presenti su Wikipedia

Gustavo di Vasaborg, o Gustav Gustavson (Stoccolma, 24 aprile 1616Wildeshausen, 25 ottobre 1653), è stato un condottiero svedese.

Arma di Gustavo di Vasaborg

Era figlio illegittimo del re di Svezia Gustavo II Adolfo e della sua amante olandese Margherita Slots o Margherita Cabeliau. Fu condottiero dellꞌesercito svedese nella guerra dei trent'anni.

Indice

BiografiaModifica

Già allˈetà di dieci anni sˈiscrisse allˈUniversità di Uppsala. Nel 1630 passò a quella di Wittenberg, insieme al suo precettore (praefectus morum) Hermann Meier von Münzenbrock.[1]

Nellˈottobre del 1632 gli fu assegnato il titolo onorifico di Rector magnificus dellˈUniversità.[2] Non trascorse però molto tempo, che egli si dedicò allꞌesercito svedese. Nel 1633, appena diciassettenne, egli si distinse nella battaglia di battaglia di Oldendorf e comandò le truppe svedesi che occuparono la diocesi di Osnabrück. Da qui cacciò il principe-vescovo Franz Wilhelm von Wartenberg e si fece nominare dal capitolo, grazie alle pressioni delle truppe svedesi, amministratore. Come i principi-vescovi, egli scelse come sua residenza la rocca di Iburg, ove ancor oggi si può vedere il suo ritratto fra la serie di quelli dei principi-vescovi. Il cartiglio fa notare, che egli presiedette la diocesi

(DE)

«…in Kriegswirren, als noch Bischof Franz Wilhelm lebte, von Januar 1634 bis zum Ende des Jahres 1650.»

(IT)

«…nel caos della guerra, quando era ancora in vita il vescovo Franz Wilhelm, dal gennaio 1634 fino alla fine degli anni 1650»

(dal cartiglio sotto il ritratto di Gustav di Vasaborg nella rocca di Iburg[3])

Dal 1643 risiedette a Vörden.

Nel 1637 fu elevato al livello di nobile come as Vasaborg (di Vasaburg). La cugina Cristina di Svezia nominò il fratellastro conte di Nystad. Nello stesso tempo la sua famiglia fu accettata al numero 6 nella classe comitale della Ritterhaus svedese.

Quando nel 1643 la città di Osnabrück, come parte dei preparativi della pace venne dichiarata città neutrale, egli ne fece ritirare le truppe. A seguito della pace di Vestfalia, egli dovette sgombrare anche il territorio della relativa diocesi, cosa che fece nel 1650. Come indennizzo finanziario gli furono riconosciuti 80.000 talleri, ed ebbe ora la signoria svedese di Wildeshausen e Huntlosen, ove si fece costruire un castello.

Nel 1645 divenne governatore dellꞌEstonia e nel 1646 consigliere dellꞌimpero. Nel 1649 e 1650 aspirò, senza successo, a divenire ammiraglio della flotta svedese. Rientrato in Germania, morì a Wildeshausen e la sua salma, nellꞌagosto del 1654[4] fu traslata a Stoccolma ed inumata nella propria cappella mortuaria nella chiesa di Riddarholmen.

Matrimonio e discendenzaModifica

Egli aveva sposato Anna Sofia di Wied (1616–1694), sorella del conte Federico III di Wied.

Dalla coppia nacquero:

  • Cristina (1644–1709), che sposò Wolmar Wrangel.
  • Gustavo (1645- 1646)
  • Carlotta, morta nel 1655
  • Gustavo Adolfo (1653–1732), anchꞌegli ufficiale, che proseguì la dinastia dei Wasaborg e che sposò Angelica Caterina di Leiningen-Westerburg.
  • Sofia (3 maggio - 8 agosto 1654)

NoteModifica

  1. ^ (DE) Matrikel bei Bernhard Weissenborn: Album Academiae Vitebergensis - Jüngere Reihe Teil 1 (1602-1660). Magdeburg 1934, S. 365
  2. ^ (DE) Ulrich Bracher: Gustav Adolf von Schweden: eine historische Biographie. Stuttgart, Berlin, Köln, Mainz: Kohlhammer 1971
  3. ^ (DE) Susanne Tauss:Der Rittersaal der Iburg: zur fürstbischöflichen Residenz Franz Wilhelms von Wartenberg : Beiträge der wissenschaftlichen Tagung vom 7. bis 9. Oktober 2004 auf Schloss Iburg. (Schriftenreihe Kulturregion Osnabrück des Landschaftsverbandes Osnabrück 26), Göttingen: V&R unipress 2007 ISBN 978-3-89971-279-7, S. 359 und Tafel 82
  4. ^ (DE) Christliche Leichpredigt über das früzeitige Eylen aus diesem bösen Leben Des ... Herrn Gustav/ Graffen zu Wasaburgk ... : Welcher im negst abgewichenem Jahre 1653. am 25. Tage Monats Octobris ... eingeschlaffen/ Und als der abgelebter Cörper den 4. Aug. Anno 1654. nacher Stockholm ... abgeführet worden / Gehalten in der Pfarrkirchen zu Hundlosen Von M. Meinhard-Molano, Pastore Prim: zu Wildeshausen/ und des Ministerii Seniore. Oldenburg: Gedruckt bey Henrich-Conrad Zimmer/ HochGräffl: bestalt: Buchdrucker daselbst, 1654 (VD17 23:266575T)

BibliografiaModifica

  • (DE) Ludwig Hoffmeyer: Geschichte der Stadt und des Regierungsbezirks Osnabrück in Bildern. Rackhorst, Osnabrück 1904, S. 92-99

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN37710730 · GND (DE11869944X · CERL cnp00585496