HMS Curlew (D42)

HMS Curlew
HMS Curlew.jpg
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
TipoIncrociatore leggero
ClasseC, tipo Ceres
ProprietàNaval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
IdentificazioneD42
OrdineAprile 1916
CostruttoriVickers Limited
CantiereBarrow-in-Furness
Impostazione21 agosto 1916
Varo5 luglio 1917
Entrata in servizio14 dicembre 1917
Destino finaleAffondata il 26 maggio 1940 da un attacco aereo al largo della Norvegia
Caratteristiche generali
Dislocamento4.124
Lunghezza140 m
Larghezza13,3 m
Pescaggio4,3 m
PropulsioneSei caldaie Yarrow
Due turbine Brown Curtis ad ingranaggi
Due eliche
40.000 Shp
Velocità29 nodi (54 km/h)
Equipaggio327
Armamento
Armamentoalla costruzione:

dal 1936:

CorazzaturaCintura a mezzanave: 76 mm
Ponte superiore: 25 mm
Note
MottoSolvitur ambulando
voci di incrociatori presenti su Wikipedia

La HMS Curlew (Pennant number D42), ottava nave britannica a portare questo nome, è stata un incrociatore leggero classe C, tipo Ceres, della Royal Navy. Venne impostato nei cantieri Vickers Limited il 21 agosto 1916, varato il 5 luglio 1917 ed entrò in servizio il 14 dicembre seguente.

ServizioModifica

Al momento dell'ingresso in servizio, in piena prima guerra mondiale, la Curlew venne assegnata alla Grand Fleet, presso il 5º Squadrone incrociatori leggeri. Dopo la fine del conflitto, nel novembre 1918 venne trasferita nel Mar Baltico per combattere i bolscevichi nei paesi baltici, dove rimase per pochi mesi fino all'aprile 1919, mese in cui venne trasferita presso la ricreata Atlantic Fleet nel Primo Squadrone Incrociatori leggeri. Nel mese di luglio venne trasferita nella riserva, dove rimase fino al marzo 1920, quando venne assegnata al 5º Squadrone incrociatori leggeri con base a Singapore. Rimase in estremo oriente fino all'agosto 1922, quando venne assegnata all'8º Squadrone incrociatori leggeri di stanza nelle Indie occidentali britanniche. Nel 1926 tornò in patria e venne trasferita in riserva, per essere poi assegnata alla Mediterranean Fleet nel luglio 1929. Servì nel Mediterraneo, intervallando dei periodi in cantiere e in riserva, fino al 1936, anno in cui entrò in cantiere per essere modificata in incrociatore antiaereo. Vennero installati al posto dell'armamento precedente 10 cannoni da 102 mm singoli e due installazioni multiple di cannoni Pom Pom.

Durante il 1938 venne usata come nave addestramento mentre nell'anno successivo venne installato un prototipo di radar (Tipo 79Z) e la nave tornò in servizio per lo scoppio della seconda guerra mondiale, nel settembre 1939, mentre ancora erano in corso le prove finali delle nuove attrezzature. La Curlew venne assegnata alla Home Fleet con compiti di scorta ai convogli nel Mare del Nord. Nel mese di aprile 1940 partecipò alle operazioni connesse alla campagna Norvegese fornendo difesa antiaerea alle navi dirette in Norvegia. Il 24 aprile subì un violento attacco aereo durante il quale rimase leggermente danneggiata. Il 26 maggio successivo, mentre si trovava al largo di Narvik, nel fiordo di Lavang, venne affondata da un violento attacco aereo[1] condotto da bombardieri Junkers Ju 88, nonostante il forte armamento antiaereo ed il pionieristico sistema radar presente a bordo.

NoteModifica

  1. ^ Churchill, p. 335.

BibliografiaModifica

  • Winston Churchill, La seconda guerra mondiale. Guerra in sordina, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1951. ISBN non esistente

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina