Apri il menu principale

Hai paura del buio? (album)

album degli Afterhours del 1997
Hai paura del buio?
Afterhours hai paura del buio.jpg
ArtistaAfterhours
Tipo albumStudio
Pubblicazione1997
2014 (edizione speciale)
Durata54:29
Dischi1
Tracce19
GenerePost-grunge
Rock psichedelico
Noise rock
Rock alternativo
Indie rock
EtichettaMescal
Afterhours - cronologia
Album precedente
(1995)
Album successivo
(1999)
Singoli
  1. Male di miele
    Pubblicato: 1998
  2. Sui giovani d'oggi ci scatarro su
    Pubblicato: 1998
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Ondarock[1] Pietra miliare

Hai paura del buio? è il quarto album in studio del gruppo musicale italiano Afterhours, pubblicato nel 1997 dalla Mescal.

Indice

Il discoModifica

Si tratta del secondo album cantato in lingua italiana dopo il precedente Germi (1995).

L'album nasce da un periodo difficile, poiché la fine dell'etichetta Vox Pop aveva segnato il percorso musicale degli Afterhours, che rimasero senza casa discografica. Fu la Mescal ad accettare il lavoro.

Dopo questo album, il bassista Alessandro Zerilli abbandonerà il gruppo.

Stile e criticaModifica

È considerato anche dalla critica non italiana il migliore tra gli album del gruppo, che proprio grazie ad esso verrà consacrato definitivamente come una delle band più significative della scena indie rock italiana.

È l'opera più completa del gruppo, nel quale si fondono punk (Sui giovani d'oggi ci scatarro su), hardcore punk (Dea e Lasciami leccare l'adrenalina), pop-rock (Voglio una pelle splendida) e post grunge (Male di miele). Nasce in un periodo di vitalità produttiva del gruppo (ben 19 le tracce) e si caratterizza per la capacità di misurarsi con generi e sonorità differenti.

I testi si contraddistinguono per l'ironia, per l'irriverenza nei confronti degli ideali borghesi e dei falsi miti; una sorta di manifesto è Sui giovani d'oggi ci scatarro su, nella quale Manuel Agnelli, in un ritmo incalzante, urla: "Come pararsi il culo e la coscienza è un vero sballo / Sabato in barca a vela, Lunedì al Leoncavallo / l'alternativo è tuo papà". Si fa uso anche della tecnica del cut-up, come già nel precedente Germi. Tra le tracce del disco alcune tra le più importanti della discografia della band milanese: la forsennata Dea, la violenta Lasciami leccare l'adrenalina, il riff travolgente di Male di miele, la dolcezza di Pelle, il sarcasmo di Questo pazzo pazzo mondo di tasse. Probabilmente Rapace e Punto G sono due canzoni simbolo per l'album, visto che al loro interno si fondono diversi generi musicali.[2]

Nel 2013 il disco ha vinto il referendum indetto tra una giuria di giornalisti dal Meeting delle etichette indipendenti come miglior album indipendente degli ultimi 20 anni.[3] Ha vinto anche un sondaggio di preferenza tra il pubblico del sito rockit.it sugli album italiani degli ultimi 15 anni.[4]

Festival Hai paura del buio?Modifica

Nel luglio 2013 Hai paura del buio? dà il nome ad un nuovo progetto: un festival culturale itinerante promosso dagli Afterhours a cui prendono parte non solo altri musicisti (tra cui Marta sui Tubi, Il Teatro degli Orrori, i Ministri, Daniele Silvestri e Verdena), ma anche attori di cinema e teatro (Antonio Rezza con Flavia Mastrella, Michele Riondino), scrittori (Chiara Gamberale, Paolo Giordano), disegnatori e ballerini.[5][6]

Hai paura del buio? Reloaded and RemasteredModifica

L'11 marzo 2014 è stata pubblicata per Universal Music un'edizione speciale di Hai paura del buio?, contenente la versione rimasterizzata dell'album originale (Remastered) ed un nuovo CD che vede coinvolti diversi artisti di spicco della musica italiana ed internazionale, che hanno collaborato con gli Afterhours per reinterpretare tutti i brani che compongono l'album e proporre al pubblico una versione nuova e particolare (Reloaded). Alla realizzazione di questo lavoro partecipano tra gli altri Marta sui tubi, Il Teatro degli Orrori, Piero Pelù, Eugenio Finardi, Samuel Romano (Subsonica), John Parish, Mark Lanegan, Damo Suzuki, Rachele Bastreghi (Baustelle), Bachi da pietra, Piers Faccini, Nic Cester, Joan as Policewoman e altri.

Il disco viene anticipato dal singolo Voglio una pelle splendida (feat. Samuel Romano) e viene reso disponibile in tre formati: doppio CD, digitale (con l'inserimento del brano Voglio una pelle splendida feat. Daniele Silvestri) e boxset edizione deluxe in tiratura limitata (1000 copie) composto da due doppi vinili e doppio CD[7]

Il disco è entrato direttamente al secondo posto degli album più venduti in Italia (classifica FIMI).[8]

Hai paura del buio? Il filmModifica

Il 26 novembre 2014 è stato pubblicato con Feltrinelli Real Cinema il DVD dedicato al tour Hai paura del buio? Remastered, realizzato da Giorgio Testi. Uscito in versione cofanetto DVD + booklet fotografico a cura di Andrea Samonà, viene registrato all'Alcatraz di Milano il 26 marzo 2014 e presenta l'album nella sua interezza seguendo la scaletta originale.

TracceModifica

Versione originale (1997) e CD 1 Edizione speciale (2014)Modifica

Tutti i brani sono composti da Manuel Agnelli eccetto dove diversamente indicato.

  1. Hai paura del buio? - 0:34 (Agnelli/Iriondo)
  2. 1.9.9.6. - 3:41
  3. Male di miele - 2:43
  4. Rapace - 5:36 (Agnelli/Iriondo/Prette)
  5. Elymania - 3:37
  6. Pelle - 5:10
  7. Dea - 1:40 (Agnelli/Iriondo/Prette)
  8. Senza finestra - 2:46 (Agnelli/Iriondo)
  9. Simbiosi - 4:13
  10. Voglio una pelle splendida - 3:41 (Agnelli/Iriondo/Prette)
  11. Terrorswing - 2:49 (Agnelli/Ciffo/Iriondo/Prette)
  12. Lasciami leccare l'adrenalina - 1:18 (Agnelli/Gismondi)
  13. Punto G - 5:44 (Agnelli/Iriondo/Prette)
  14. Veleno - 3:45 (Agnelli/Iriondo/Prette)
  15. Come vorrei - 3:06
  16. Questo pazzo pazzo mondo di tasse - 2:59 (Agnelli/Ciffo/Iriondo/Prette)
  17. Musicista contabile - 5:30 (Agnelli/Ciffo/Iriondo/Prette)
  18. Sui giovani d'oggi ci scatarro su - 2:57 (Agnelli/Iriondo/Prette)
  19. Mi trovo nuovo - 3:39

CD 2 Edizione speciale (2014)Modifica

  1. Hai paura del buio? - feat. Damo Suzuki
  2. 1.9.9.6. - feat. Edoardo Bennato
  3. Male di miele - feat. The Afghan Whigs
  4. Rapace - feat. Negramaro
  5. Elymania - feat. Luminal
  6. Pelle - feat. Mark Lanegan
  7. Dea - feat. Il Teatro degli Orrori
  8. Senza finestra - feat. Joan as Policewoman
  9. Simbiosi - feat. Der Maurer & Le luci della centrale elettrica
  10. Voglio una pelle splendida - feat. Samuel Romano dei Subsonica
  11. Terrorswing - feat. John Parish
  12. Lasciami leccare l'adrenalina - feat. Eugenio Finardi
  13. Punto G - feat. Bachi da pietra
  14. Veleno - feat. Nic Cester
  15. Come vorrei - feat. Piers Faccini
  16. Questo pazzo pazzo mondo di tasse - feat. Fuzz Orchestra & Vincenzo Vasi
  17. Musicista contabile - feat. Marta sui tubi
  18. Sui giovani d'oggi ci scatarro su - feat. Ministri
  19. Mi trovo nuovo - feat. Rachele Bastreghi dei Baustelle
  20. Televisione (2014) - feat. Cristina Donà & The Friendly Ghost of Robert Wyatt
  21. Male di miele (special track) - feat. Piero Pelù

Formazione 1997Modifica

Gruppo
Altri musicisti

Nota: Le informazioni su musicisti e autori dei brani provengono dal libretto che accompagna il CD. Nelle note di copertina non vengono accreditati i musicisti che suonano basso e archi.

Formazione 2014Modifica

Tra parentesi il numero relativo alla traccia a cui l'artista partecipa

Gruppo
  • Manuel Agnelli - voce (2-4, 6, 8, 10, 13-15, 17, 19), chitarra acustica (2, 3, 8, 20), chitarra elettrica (4, 7, 14), pianoforte (1, 6), cori (5-8, 10, 12-16, 18, 19), urla (7, 18), drum machine (8), respiri ritmici (11)
  • Xabier Iriondo - chitarra elettrica (1, 4, 6, 7, 13, 14)
  • Giorgio Ciccarelli - chitarra elettrica (2, 4, 10, 14, 20), e-bow (20)
  • Roberto Dell'Era - basso (1, 2, 4, 6, 10, 14, 20), cori (6, 10, 17), paesaggio sonoro (9)
  • Rodrigo D'Erasmo - violini (1, 4-7, 10, 11, 13-17, 20), tamburello basco (2), cori (13, 17), paesaggio sonoro (9)
  • Giorgio Prette - batteria (2, 4, 6, 10, 14, 20), marimba (20), paesaggio sonoro (9)
Altri musicisti

NoteModifica

  1. ^ Afterhours - Hai Paura Del Buio? :: Le pietre miliari di Onda Rock, ondarock.it, 9 aprile 2008. URL consultato il 27 dicembre 2013.
  2. ^ Afterhours - biografia, recensioni, discografia, foto :: OndaRock
  3. ^ Indipendenti 20 anni dopo: Afterhours in sul podio, meiweb.it. URL consultato il 12 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2014).
  4. ^ Migliori dischi musica italiana 1997 - 2012, classifica e infografica, rockit.it. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  5. ^ Hai paura del buio? Il Manifesto di Manuel Agnelli, la Repubblica XL. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  6. ^ Un nuovo evento "firmato" Afterhours, Rolling Stone, 16 luglio 2013. URL consultato il 12 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2014).
  7. ^ afterhours.it Archiviato il 4 marzo 2014 in Internet Archive.
  8. ^ webl0g.it Archiviato il 20 marzo 2014 in Internet Archive.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica