Apri il menu principale

Henri Boris Kagan (Boulogne-Billancourt, 15 dicembre 1930) è un chimico francese. Professore emerito di chimica all'Università Paris XI - Paris-Sud, è noto come pioniere nel campo della catalisi asimmetrica e nell'utilizzazione dei lantanoidi in sintesi organica.

Indice

BiografiaModifica

Henri Kagan si è laureato alla Sorbona e alla Scuola nazionale superiore di chimica di Parigi nel 1954. Nel 1960 ha conseguito il dottorato sotto la supervisione del Prof. Jean Jacques al Collège de France. Nel 1967 è diventato docente presso la Università Paris XI - Paris-Sud a Orsay, e nel 1973 è diventato professore ordinario. Nel 1968 ha fondato il Laboratorio di Sintesi asimmetrica a Orsay. Dal 1999 è professore emerito all'Università Paris XI - Paris-Sud.[1] Nel 1960 ha sposato Claude Vignon, con la quale ha avuto tre figli: Sylvie, Véronique, Anne.

RicercheModifica

 
Struttura di (S,S)-DIOP, la prima difosfina chirale sintetizzata.

Kagan è riconosciuto come un pioniere nel campo della catalisi asimmetrica e dell'uso di lantanoidi nella sintesi organica. All'inizio degli anni settanta documentò per la prima volta esempi di sintesi asimmetrica con la sintesi di eliceni otticamente attivi[2] e con la sintesi della prima difosfina chirale (DIOP).[3] Un catalizzatore di rodio contenente DIOP produsse inoltre un altissimo eccesso enantiomerico in reazioni di idrogenazione.[3] In seguito riuscì a sintetizzare in condizioni blande lo ioduro di samario(II), SmI2,[4] che sarebbe diventato un reattivo utilizzato in molte sintesi asimmetriche.[5] La catalisi stereoselettiva è di grande importanza per l'industria farmaceutica, tanto che nel 2001 il premio Nobel per la chimica fu assegnato a Barry Sharpless, Ryōji Noyori e William S. Knowles per le loro ricerche sulla catalisi chirale. Il fatto che Kagan fosse stato escluso dal premio creò notevoli polemiche, e l'allora ministro francese delle Scienze Roger-Gérard Schwartzenberg scrisse una lettera di protesta alla Fondazione Nobel.[6]

OpereModifica

Kagan è autore di oltre 300 articoli su riviste specializzate.[1] Ha inoltre pubblicato i libri

  • (DE) H. B. Kagan, Organische Stereochemie, Stuttgart, Georg Thieme Verlag, 1977. Tradotto anche in inglese, cinese e serbo-croato.
  • (EN) H. B. Kagan (a cura di), Stereochemistry, Fundamentals and Methods, Stuttgart, Georg Thieme Verlag, 1977, ISBN 978-3131325013.

RiconoscimentiModifica

Kagan ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra i quali:[1]

NoteModifica

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN230553849 · ISNI (EN0000 0001 0874 9583 · LCCN (ENn79126346 · GND (DE1081050160 · BNF (FRcb123779237 (data)