Heteroprox

genere di animale della famiglia Cervidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Heteroprox
Heteroprox eggeri.JPG
Palchi e mandibola di Heteroprox eggeri
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Sottordine Ruminantia
Famiglia Cervidae
Genere Heteroprox

L'eteroproce (gen. Heteroprox) è un mammifero artiodattilo estinto, appartenente ai cervidi. Visse nel Miocene medio (circa 16 - 11 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Europa.

DescrizioneModifica

Questo animale era leggermente più grande rispetto ad altri cervidi primitivi come Stehlinoceros e Procervulus, e doveva superare il metro d'altezza al garrese. Il peso doveva aggirarsi intorno ai 35 chilogrammi. Le zampe erano molto allungate e il metatarso presentava un solco chiuso nella parte inferiore da un ponte osseo. Il cranio era dotato di due corna brevi e biforcute, in cui lo spuntone posteriore si diramava dal ramo principale; queste corna erano già veri e propri palchi, con tanto di rosette che separavano la parte nuda dallo stelo ricoperto di pelle. Le corna erano quindi caduche. Sul bordo dell'orbita era presente un doppio orifizio lacrimale.

 
Corno di Heteroprox larteti

ClassificazioneModifica

I resti fossili di questo animale, descritti per la prima volta nel 1928 da Stehlin, sono stati ritrovati in varie zone d'Europa (Germania, Spagna, Francia, Austria, Serbia e Slovacchia) in terreni del Miocene medio. Heteroprox è considerato uno dei cervidi più primitivi, affine agli odierni muntiacini ma più evoluto rispetto alle forme arcaiche come Lagomeryx e Procervulus, ancora sprovvisti di corna caduche. Le specie più note sono Heteroprox eggeri della Germania e H. larteti della Francia; in Turchia è stata ritrovata un'altra specie, H. anatoliensis, dalla dentatura peculiare che richiamava in parte quella degli arcaici paleomericidi.

 
Cranio di Heteroprox larteti

Un genere affine, dalla distribuzione più ampia, è Euprox.

PaleobiologiaModifica

Le proporzioni delle ossa delle zampe di questo cervo indicano che Heteroprox era probabilmente di abitudini semiacquatiche, e viveva in un clima tropicale/temperato in zone umide; la dentatura indica che si nutriva di foglie.

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Ginsburg, L. & Crouzel, F.,(1976). Contribution à la connaissance d'Heteroprox larteti (Filhol) Cervidé du Miocène européen. Bulletin du Museum National d'Histoire Naturelle de Paris, s.3, 399: 345-357.
  • M. Sánchez, Israel (2000). «Ruminantes (Mammalia, Artiodactyla) del yacimiento de Somosaguas (Aragoniense medio, Madrid, España)». Coloquios de paleontología 51. 1132-1660, 223-234.
  • D. Geraads. 2003. Ruminants, other than Giraffidae from the middle Miocene hominoid locality of Çandır (Turkey). Courier Forschungsinstitut Senckenberg 240. 181-199
  • M. Hernández Fernández, J. A. Cárdaba, J. Cuevas-González, O. Fesharaki, M. J. Salesa, B. Corrales, L. Domingo, J. Elez, P. López Guerrero, N. Sala-Burgos, J. Morales, N. López Martínez (2006). «Los yacimientos de vertebrados del Mioceno medio de Somosaguas (Pozuelo de Alarcón, Madrid): implicaciones paleoambientales y paleoclimáticas». Estudios geológicos 62. 0367-0449, 263-294.

Collegamenti esterniModifica