Ruminantia

Il sottordine dei Ruminanti (Ruminantia Scopoli, 1777) include molti grandi erbivori come i bovini, le pecore, le capre, i cervi e le antilopi[1].

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Ruminanti
Ruminantia.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Laurasiatheria
Ordine Artiodactyla
Sottordine Ruminantia
(Scopoli, 1777)

Questo gruppo di mammiferi è caratterizzato, in breve, dal possesso di uno stomaco concamerato (ovvero suddiviso in più specializzazioni quali reticolo, rumine, omaso ed abomaso) e dalla presenza del comportamento della ruminazione da cui deriva il nome del sottordine[2][3].

Non tutti i ruminanti appartengono però a Ruminantia; i cammelli ne sono un esempio[4][5]. È noto inoltre che anche altri animali hanno sviluppato adattamenti simili a quelli dei ruminanti tra cui i canguri[6][7].

TassonomiaModifica

Ordine Artiodattili

Schemi tassonomici[11][12][13][14][15]Modifica

Artiodactyla 

Tylopoda (cammelli) 

 Artiofabula 

  Suina (maiali) 

 Cetruminantia 
 Ruminantia (ruminanti) 

 Tragulidae (cervo-topo) 

 Pecora (capra Walia) 

 Cetancodonta/Whippomorpha 

 Hippopotamidae (ippopotami) 

 Cetacea (balene) 

Ruminantia
Tragulina

Tragulidae  

Pecora

Antilocapridae  

Giraffidae  

Cervidae  

Bovidae  

Moschidae  

Abbondanza, distribuzione e addomesticamentoModifica

I ruminanti selvatici sono almeno 75 milioni[16] e sono originari di tutti i continenti ad eccezione dell'Antartide e dell'Australia[17]. Quasi il 90% di tutte le specie si trova in Eurasia e in Africa[18]. Le specie abitano un'ampia gamma di climi (dal tropico all'artico) e di habitat (dalle pianure aperte alle foreste)[19].

La popolazione di ruminanti domestici è superiore a 3,5 miliardi, con bovini, ovini e caprini che rappresentano circa il 95% della popolazione totale. Le capre furono addomesticate nel Vicino Oriente intorno all'8000 a.C. La maggior parte delle altre specie furono addomesticate nel 2500 a.C., nel Vicino Oriente o nell'Asia meridionale[20].

Fisiologia dei ruminantiModifica

Gli animali ruminanti hanno varie caratteristiche fisiologiche che consentono loro di sopravvivere in natura. Una caratteristica dei ruminanti sono i loro denti in continua crescita. Durante il pascolo, il contenuto di silice nel foraggio provoca l'abrasione dei denti. Ciò è compensato dalla continua crescita dei denti per tutta la vita del ruminante, a differenza degli esseri umani o di altri non ruminanti, i cui denti smettono di crescere dopo una determinata età. La maggior parte dei ruminanti non ha gli incisivi superiori; hanno invece uno spesso cuscinetto dentale per masticare a fondo il cibo a base vegetale[21].

Tossicità dei tannini nei ruminantiModifica

I tannini sono composti fenolici che si trovano comunemente nelle piante. Presenti nei tessuti delle foglie, dei germogli, dei semi, delle radici e del fusto, i tannini sono ampiamente distribuiti in molte specie diverse di piante. I tannini sono separati in due classi: tannini idrolizzabili e tannini condensati. A seconda della loro concentrazione e natura, entrambe le classi possono avere effetti negativi o benefici. I tannini possono essere utili, avendo dimostrato di aumentare la produzione di latte, la crescita della lana, il tasso di ovulazione e la percentuale di agnelli, oltre a ridurre il rischio di gonfiore e ridurre il carico di parassiti interni[22].

I tannini possono essere tossici per i ruminanti, in quanto precipitano le proteine, rendendole indisponibili per la digestione, e inibiscono l'assorbimento dei nutrienti riducendo le popolazioni di batteri ruminali proteolitici. Livelli molto elevati di assunzione di tannini possono produrre tossicità che possono anche causare la morte[23]. Gli animali che normalmente consumano piante ricche di tannini possono sviluppare meccanismi difensivi contro i tannini stessi[24]. Alcuni ruminanti (capre, cervi, alci, alci) sono in grado di consumare cibi ricchi di tannini (foglie, ramoscelli, cortecce) grazie alla presenza nella loro saliva di certe proteine[25].

Importanza religiosaModifica

La Legge di Mosè nella Bibbia permetteva di mangiare alcuni mammiferi che avevano gli zoccoli fessi[26] (cioè membri dell'ordine degli Artiodattili) e "che ruminavano", una clausola conservata fino ad oggi nelle leggi alimentari ebraiche.

Ruminanti e cambiamento climaticoModifica

Il metano è prodotto da un tipo di archaea, chiamato metanogeni, che viene rilasciato nell'atmosfera. Il rumine è il principale sito di produzione di metano nei ruminanti[27]. Il metano è un forte gas serra con un potenziale di riscaldamento globale di 86 rispetto alla CO2 su un periodo di 20 anni[28][29][30].

Come sottoprodotto del consumo di cellulosa, i bovini eruttano metano, restituendo così nell'atmosfera il carbonio preso dalle piante. Dopo circa 10-12 anni, quel metano viene scomposto e riconvertito in CO2. Una volta convertite in CO2, le piante possono nuovamente eseguire la fotosintesi e fissare nuovamente quel carbonio nella cellulosa. Da qui il bestiame può mangiare le piante e il ciclo ricomincia. In sostanza, il metano ruttato dal bestiame non aggiunge nuovo carbonio all'atmosfera. Piuttosto fa parte del ciclo naturale del carbonio attraverso il ciclo del carbonio biogenico[31].

Nel 2010 la fermentazione enterica[32] (un processo digestivo mediante il quale i carboidrati vengono scomposti dai microrganismi in molecole semplici per l'assorbimento nel flusso sanguigno di un animale) rappresentava il 43% delle emissioni totali di gas serra da tutte le attività agricole nel mondo[33], il 26% delle emissioni totali di gas serra dall'attività agricola negli Stati Uniti e il 22% delle emissioni totali di metano negli Stati Uniti[34]. La carne di ruminanti allevati a livello nazionale ha un'impronta di carbonio più elevata rispetto ad altre carni o fonti proteiche vegetariane sulla base di una meta-analisi globale di studi di valutazione del ciclo di vita[35]. La produzione di metano da parte di animali da carne, principalmente ruminanti, è stimata al 15-20% della produzione globale di metano, a meno che gli animali non siano stati cacciati in natura[36][37]. La moderna popolazione domestica di bovini da carne e da latte negli Stati Uniti è di circa 90 milioni di capi, circa il 50% in più rispetto al picco della popolazione selvatica di bisonti americani di 60 milioni di capi nel 1700[38], che vagava principalmente per la parte del Nord America che ora costituisce gli Stati Uniti.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Ruminanti nell'Enciclopedia Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 5 giugno 2022.
  2. ^ ultimateungulate.com.
  3. ^ faculty.fortlewis.edu (PDF).
  4. ^ Cammello: chi è e come vive il cammello, su www.elicriso.it. URL consultato il 5 giugno 2022.
  5. ^ cammelli, lama, vigogne in "Enciclopedia dei ragazzi", su www.treccani.it. URL consultato il 5 giugno 2022.
  6. ^ Redazione, Cosa mangia il canguro?, su Mille Animali, 6 febbraio 2020. URL consultato il 5 giugno 2022.
  7. ^ Canguro - Informazioni, caratteristiche e curiosità, su AnimaliWiki, 13 giugno 2019. URL consultato il 5 giugno 2022.
  8. ^ Ruminantia, su elianto.fisica.unimi.it. URL consultato il 5 giugno 2022.
  9. ^ zora.uzh.ch (PDF).
  10. ^ ncbi.nlm.nih.gov.
  11. ^ ncbi.nlm.nih.gov.
  12. ^ Maureen A. O'Leary, Jonathan I. Bloch e John J. Flynn, The Placental Mammal Ancestor and the Post-K-Pg Radiation of Placentals, in Science, vol. 339, 1º febbraio 2013, pp. 662–667, DOI:10.1126/science.1229237. URL consultato il 5 giugno 2022.
  13. ^ Sen Song, Liang Liu e Scott V. Edwards, Resolving conflict in eutherian mammal phylogeny using phylogenomics and the multispecies coalescent model, in Proceedings of the National Academy of Science, vol. 109, 1º settembre 2012, pp. 14942–14947, DOI:10.1073/pnas.1211733109. URL consultato il 5 giugno 2022.
  14. ^ ncbi.nlm.nih.gov.
  15. ^ ncbi.nlm.nih.gov.
  16. ^ Hackmann. T. J., and Spain, J. N. 2010."Ruminant ecology and evolution: Perspectives useful to livestock research and production". Journal of Dairy Science, 93:1320–1334
  17. ^ (EN) A complete estimate of the phylogenetic relationships in Ruminantia: a dated species-level supertree of the extant ruminants, in Biological Reviews, vol. 80, n. 2, 1º maggio 2005, pp. 269–302, DOI:10.1017/s1464793104006670.
  18. ^ Hackmann. T. J., and Spain, J. N. 2010."Ruminant ecology and evolution: Perspectives useful to livestock research and production". Journal of Dairy Science, 93:1320–1334
  19. ^ Hackmann. T. J., and Spain, J. N. 2010."Ruminant ecology and evolution: Perspectives useful to livestock research and production". Journal of Dairy Science, 93:1320–1334
  20. ^ Hackmann. T. J., and Spain, J. N. 2010."Ruminant ecology and evolution: Perspectives useful to livestock research and production". Journal of Dairy Science, 93:1320–1334
  21. ^ Dental Anatomy of Ruminants, su vivo.colostate.edu.
  22. ^ B.R Min, et al (2003) The effect of condensed tannins on the nutrition and health of ruminants fed fresh temperate forages: a review Animal Feed Science and Technology 106(1):3–19
  23. ^ Cornell University Department of Animal Science, su ansci.cornell.edu.
  24. ^ B.R Min, et al (2003) The effect of condensed tannins on the nutrition and health of ruminants fed fresh temperate forages: a review Animal Feed Science and Technology 106(1):3–19
  25. ^ Tannin-binding proteins in saliva of deer and their absence in saliva of sheep and cattle, in J Chem Ecol, vol. 15, n. 4, 1989, pp. 1335–47, DOI:10.1007/BF01014834.
  26. ^ Leviticus 11:3 - Clean and Unclean Animals, su Bible Hub. URL consultato il 22 gennaio 2023.
  27. ^ Effect of the Addition of Fumarate on Methane Production by Ruminal Microorganisms in Vitro, in Journal of Dairy Science, vol. 82, n. 4, 1999, pp. 780–787, DOI:10.3168/jds.S0022-0302(99)75296-3.
  28. ^ IPCC Fifth Assessment Report, Table 8.7, Chap. 8, pp. 8–58 (PDF)
  29. ^ Improved Attribution of Climate Forcing to Emissions, in Science, vol. 326, n. 5953, 2009, pp. 716–718, DOI:10.1126/science.1174760.
  30. ^ Improved Attribution of Climate Forcing to Emissions, in Science, vol. 326, n. 5953, 2009, pp. 716–728, DOI:10.1126/science.1174760.
  31. ^ [1], https://clear.ucdavis.edu/explainers/biogenic-carbon-cycle-and-cattle.
  32. ^ Vegitaly, Inquinamento in pillole | Fermentazione Enterica, su Vegitaly, 19 marzo 2019. URL consultato il 22 gennaio 2023.
  33. ^ Food and Agriculture Organization of the United Nations (2013) "FAO Statistical Yearbook 2013 World Food and Agriculture". See data in Table 49 on p. 254.
  34. ^ Inventory of U.S. Greenhouse Gas Emissions and Sinks: 1990–2014, 2016.
  35. ^ Ripple, William J.; Pete Smith; Helmut Haberl; Stephen A. Montzka; Clive McAlpine & Douglas H. Boucher. 2014. "Ruminants, climate change and climate policy". Nature Climate Change. Volume 4 No. 1. pp. 2–5.
  36. ^ Cicerone, R. J., and R. S. Oremland. 1988 "Biogeochemical Aspects of Atmospheric Methane"
  37. ^ Yavitt, J. B. 1992. Methane, biogeochemical cycle. pp. 197–207 in Encyclopedia of Earth System Science, Vol. 3. Acad.Press, London.
  38. ^ Bureau of Sport Fisheries and Wildlife, The American Buffalo, in Conservation Note, vol. 12, January 1965.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 8697 · GND (DE4189837-0 · NDL (ENJA00562949
  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi