Himeshima (isola)

isola giapponese
Himeshima
姫島村
Geografia fisica
LocalizzazioneOceano Pacifico
Coordinate33°43′00″N 131°39′00″E / 33.716667°N 131.65°E33.716667; 131.65Coordinate: 33°43′00″N 131°39′00″E / 33.716667°N 131.65°E33.716667; 131.65
ArcipelagoIsole del Mare interno di Seto
Superficie6,85 km²
Sviluppo costiero17 km
Altitudine massima266,6 m s.l.m.
Geografia politica
StatoGiappone Giappone
RegioneKyūshū
PrefetturaŌita
SottoprefetturaHigashikunisaki
Demografia
Abitanti2.272 (1-4-2009)
Densità332 ab./km²
Cartografia
Mappa di localizzazione: Giappone
Himeshima
Himeshima
voci di isole del Giappone presenti su Wikipedia

Hime, o più compiutamente Himeshima (姫島村 Himeshima-mura?), letteralmente "isola principessa", è un'isola giapponese nella parte meridionale del Mare interno di Seto, al largo della penisola di Kunisaki. Sull'isola sorge il villaggio omonimo.

L'isola si presenta di forma allungata e presenta una superficie di 6,85 km².

Su Himeshima è presente uno dei pochi giacimenti di ossidiana del Giappone, una rupe nel nord-ovest dell'isola. Il minerale presente sull'isola è caratterizzato da un tipico colore grigio. Reperti in ossidiana di Himeshima risalenti al periodo Jōmon sono stati rinvenuti in Cina, rivelando quando fosse florido il commercio in quel periodo.

MitoModifica

Ci sono due miti collegati al nome dell'isola.

Il primo, riportato nel Kojiki, vuole che furono due divinità, Izanagi e Izanami, a creare il Giappone come due isole, una grande ed una più piccola, di genere femminile. Himeshima sarebbe questa seconda isola.[1]

Un secondo mito, presente nel Nihongi, attribuisce il nome dell'isola alla storia di una principessa vissuta durante il regno dell'imperatore Suinin. La principessa, promessa in sposa al principe Tsunuga-arashito di Ohokara (Corea del Sud), fuggì e trovo rifugio presso il santuario di Himekoso, presente sull'isola.[1]

Attività economicheModifica

Prima della Seconda guerra mondiale, l'economia dell'isola era basata sull'allevamento dei bovini e su di una grande salina. Dopo la guerra, entrambe le attività furono interrotte, per ragioni sanitarie.[2] Oggi, le principali attività economiche presenti sull'isola sono legate all'allevamento dei gamberi tigre.[3]

Con una formula innovativa, negli ultimi quarant'anni si è cercato di ridurre lo spopolamento dell'isola assicurando un impiego ad ogni abitante. In particolare è stato introdotto un "contratto condiviso" in base al quale ogni lavoratore rinuncia a parte del salario e ad avere un orario di lavoro regolare per raggiungere l'obiettivo della totale occupazione della popolazione dell'isola.[3]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Origin, in Himeshima. URL consultato il 31-05-2009.
  2. ^ (EN) Industry, in Himeshima. URL consultato il 31-05-2009.
  3. ^ a b (EN) Tactics for hard times as Japanese turn to job-sharing, The Times, 17-01-2009. URL consultato il 31-05-2009.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN251800705 · NDL (ENJA00645324 · WorldCat Identities (EN251800705