Apri il menu principale

I colori della passione

film del 2011 diretto da Lech Majewski

TramaModifica

Il film narra la storia di alcuni dei 500 personaggi dipinti nel quadro Salita al Calvario del pittore fiammingo Pieter Bruegel il Vecchio. Il tema della sofferenza del Cristo è ambientato al tempo delle repressioni religiose nelle Fiandre, nel 1564.[1]

ProduzioneModifica

 
Pieter Bruegel, Salita al Calvario

Ispirato al dipinto del 1564 Salita al Calvario del pittore fiammingo Pieter Bruegel il Vecchio e basato sul libro di Michael Francis Gibson The Mill and the Cross, il film è una coproduzione polacco-svedese.

Le riprese sono iniziate nell'agosto del 2009.[2]

DistribuzioneModifica

È stato presentato al Sundance Film Festival il 23 gennaio 2011.[3]

Genesi dell'operaModifica

Come ha dichiarato in un'intervista con Gherardo Vitali Rosati, Lech Majeski ha vissuto con grande entusiasmo la scoperta di Bruegel, guidata dallo storico dell'arte Michael Francis Gibson. Il regista ritiene Bruegel "il più grande filosofo fra i pittori" e le sue opere gli ricordano i film di Fellini.

Riprendendo le parole di Gibson, Majewski afferma che sarebbe impossibile trovare altrettante storie da raccontare in un dipinto del Novecento. Nasce da qui la voglia di tornare ai "Giganti" del passato, non a caso ora che ha ultimato I colori della Passione ha iniziato a lavorare a un nuovo progetto su Dante Alighieri.[4]

NoteModifica

  1. ^ Grynienko, Katarzyna "All Star Cast of 'The Mill And The Cross' Working in Poland" Archiviato il 3 febbraio 2011 in Internet Archive., Film New Europe, 23 November 2008, accessed 22 October 2010.
  2. ^ Production: The Mill And The Cross wraps shoot Archiviato il 13 marzo 2012 in Internet Archive. Film New Europe. 17 August 2009
  3. ^ 2011 Sundance Film Festival Noncompetitive Categories Archiviato il 9 novembre 2013 in Internet Archive. Standard Examiner. 2 December 2011
  4. ^ Gherardo Vitali Rosati [1], Servizio su I colori della Passione, marzo 2012.

Collegamenti esterniModifica