Apri il menu principale

I distruttori

film del 1968 diretto da Francis D. Lyon
I distruttori
Titolo originaleThe Destructors
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1968
Durata97 min
Genereazione, fantascienza, spionaggio
RegiaFrancis D. Lyon
SceneggiaturaArthur C. Pierce, Larry Jackson
ProduttoreEarle Lyon
Casa di produzioneFeature Film Corporation of America, Harold Goldman Associates, United Pictures
FotografiaAlan Stensvold
Effetti specialiRoger George
MusichePaul Dunlap
ScenografiaPaul Sylos (art director)
Raymond Boltz Jr. (set decorator)
CostumiTed Tetrick
TruccoPat Davey, Don Donaldson
Interpreti e personaggi

I distruttori (The Destructors) è un film del 1968 diretto da Francis D. Lyon.

È un film d'azione statunitense a sfondo spionistico e fantascientifico con Richard Egan, Patricia Owens, John Ericson e Michael Ansara.

Indice

TramaModifica

ProduzioneModifica

Il film, diretto da Francis D. Lyon su una sceneggiatura di Arthur C. Pierce e Larry Jackson, fu prodotto da Earle Lyon[1] per la Feature Film Corporation of America, la Harold Goldman Associates e la United Pictures[2] e girato nel 1966.[3]

DistribuzioneModifica

Il film fu distribuito con il titolo The Destructors negli Stati Uniti nel gennaio del 1968[4] al cinema dalla Feature Film.[2]

Altre distribuzioni:[4]

CriticaModifica

Secondo il Morandini è un "film d'azione di rozza efficacia" ma con diversi buchi narrativi.[5] Secondo Leonard Maltin è un "film senza senso" distribuito solo due anni dopo la fine delle riprese.[6]

NoteModifica

  1. ^ (EN) IMDb - Cast e crediti completi, su imdb.com. URL consultato il 9 luglio 2013.
  2. ^ a b (EN) IMDb - Crediti per le compagnie, su imdb.com. URL consultato il 9 luglio 2013.
  3. ^ (EN) American Film Institute, su afi.com. URL consultato il 9 luglio 2013.
  4. ^ a b (EN) IMDb - Distribuzioni, su imdb.com. URL consultato il 9 luglio 2013.
  5. ^ MYmovies, su mymovies.it. URL consultato il 9 luglio 2013.
  6. ^ Leonard Maltin, Guida ai film 2009[collegamento interrotto], Dalai editore, 2008, p. 570, ISBN 8860181631. URL consultato il 9 luglio 2013.

Collegamenti esterniModifica