Apri il menu principale

«La tartaruga pregò l'aquila di insegnarle a volare. L'aquila, ritenendo che volare non fosse cosa da tartaruga, la sconsigliava di tentare: ma la tartaruga insisteva. L'aquila allora la prese nei propri artigli, la portò in alto e la lasciò cadere giù: la tartaruga cadde sulle rocce e si fracassò.»

(da I quattro libri di lettura)
I quattro libri di lettura
Titolo originaleРусские книги для чтения
Russkie knigi dlja čtenija
Altri titoliI quattro libri russi di lettura
AutoreLev Tolstoj
1ª ed. originale1875
1ª ed. italiana1928
Generenarrativa
Sottogenereracconti
Lingua originalerusso
Ambientazionevaria, ma prevalentemente in Russia

I quattro libri di lettura (in russo: Русские книги для чтения, Russkie knigi dlja čtenija) è una raccolta di favole dello scrittore russo Lev Tolstoj, pubblicata nel 1875.

L'opera è il rifacimento di un'antologia pedagogica precedente, il Sillabario (o Abbecedario). Comprendente alcune favole di Esopo in versione libera, il rifacimento di leggende russe o indiane, racconti dei fratelli Grimm e storie vere, il testo veniva utilizzato per un apprendimento critico e attivo.[1] Contiene in 4 volumi rispettivamente 58, 65, 51 e 35 tra favole, storie e poesie.

L'opera era destinata, come disse Tolstoj, «a tutti i fanciulli, da quelli della famiglia imperiale a quelli dei contadini, perché ne traggano le loro prime impressioni poetiche»[2].

Traduzioni italianeModifica

  • I quattro libri di lettura, traduzione di Angelo Treves, Milano, Monanni, 1928.
  • I quattro libri di lettura, traduzione di Nicola Odanov, Milano, Longanesi, 1954.
  • I quattro libri di lettura, traduzione di Agostino Villa, Torino, Einaudi, 1964.I millenni»)
  • I quattro libri di lettura, 2 voll., Napoli, Liguori, 1981.
  • I quattro libri russi di lettura e altri racconti, a cura di Igor Sibaldi, Milano, A. Mondadori, 1998.

NoteModifica

  1. ^ Prefazione di E. Striano a I quattro libri di lettura, Napoli, Liguori, 1981.
  2. ^ Citazione in quarta di copertina de I quattro libri di lettura, Milano, Longanesi, nella ristampa del 1972.

Voci correlateModifica