Apri il menu principale

Iapezia (Iapetia, Japetia) è il toponimo con il quale, nel XVI secolo, il sacerdote francese Guillaume Postel propose di rinominare il continente europeo[1], al fine di cancellare la dedicazione pagana alla principessa Europa, figura della mitologia greca cui è correlato il vecchio continente, secondo l'antica tradizione.[2]

Il termine "Iapezia" fu menzionato anche da Abraham Ortelius e dal gesuita Philippe Briet[3] e deriva da Jafet, uno dei figli di Noè, dal quale discenderebbero, secondo la tradizione biblica, le popolazioni europee.

Nell'opera De cosmographia disciplina, Postel nominava anche la Chasdia (la Terra Australis Incognita), la Chamia (l'Africa, terra di Cam) e la Semia (l'Asia, terra di Sem).[4]

NoteModifica

  1. ^ cultureeuropee.irrepiemonte.it. URL consultato il 26 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2010).
  2. ^ Yves Bonnefoy, Wendy Doniger in books.google.it
  3. ^ archive.org: Boccaccio definisce poi Lampedusa di Japetia una figlia del Sole (vd. books.google.it)
  4. ^ mailman.geo.uu.nl[collegamento interrotto]

BibliografiaModifica

  Portale Europa: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Europa