Apri il menu principale

Il maestro di Don Giovanni

film del 1954 diretto da Milton Krims

TramaModifica

La storia è ambientata nell’Italia del XVI secolo, profondamente lacerata dalle guerre civili, e vede protagonisti Raniero e Renzo, rispettivamente il figlio del duca di Sidona e il suo mentore. I due scapestrati, dopo un lungo viaggio, rientrano in patria. Intanto, il ministro Pavoncello, desideroso di spodestare il Duca, propone di emanare l’editto che impone ai maggiorenni celibi di unirsi in matrimonio. L’approvazione della legge costringe così Renzo e Raniero a lasciare la Contea. Ma i due, appreso il disegno espansionistico di Pavoncello, decidono di rientrare in patria. Dopo varie sarabande, il bieco ministro sarà ucciso da Renzo, che anziché fuggire all'arrivo del banditore, chiede al Duca la mano della figlia Francesca. Si aprirà così un nuovo capitolo della storia di Sidona.

ProduzioneModifica

La pellicola si avvale di un'insolita coproduzione italo-americana realizzata tra la casa di produzione cinematografica Viva Film di Vittorio Vassarotti e il divo Errol Flynn.

RipreseModifica

Il maestro di don Giovanni è stato girato a cavallo tra il 1952 e il 1953 principalmente a Cinecittà e nei suggestivi borghi di Lauro e Marzano in provincia di Avellino.

PrimatiModifica

Il maestro di don Giovanni è il primo e unico film girato interamente in Italia dal divo americano Errol Flynn e si rivela la prima pellicola del cinema nostrano ad essere fotografata in Eastmancolor.

NoteModifica

Il maestro di don Giovanni - Storie, racconti e aneddoti sul Santo Graal di Errol Flynn (Il Papavero, pagg. 168, euro 18, ISBN 9788832940541) di Vincenzo Castaldo.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema