Apri il menu principale
June Bronhill, fotografata nel 1973 da Allan Warren

June Bronhill, pseudonimo di June Mary Gough, OBE (Broken Hill, 26 giugno 1929Sydney, 24 gennaio 2005), è stata un soprano australiano di coloratura, attrice e cantante. Era altrettanto famosa sia per l'operetta che per il musical nei teatri del West End di Londra e in Australia, nonché sul palcoscenico dell'opera

BiografiaModifica

June Bronhill nacque June Mary Gough, nell'entroterra australiano di Broken Hill, nel Nuovo Galles del Sud,[1] da George Francis Gough, nato in Essex, Inghilterra e Mary Isobel Daisy Hall. Il suo nome d'arte, Bronhill, che usò dal 1952, era un'abbreviazione di Broken Hill, che era il suo modo di ringraziare la sua città natale per il suo sostegno nel raccogliere fondi per inviarla all'estero per la sua formazione professionale come cantante.[2][3][4] La sua insegnante di canto europea interpretò "Broken Hill" come "Bro-n-hill".

Vinse il terzo premio alla Sun Aria, ora conosciuta come Sydney Operist Eisteddfod McDonald's Aria, nel 1949[5] e il primo premio nel 1950.[6] Usò il suo premio in denaro per finanziare un viaggio a Londra per proseguire gli studi.[5]

La Bronhill si formò a Londra e ottenne una prima esposizione mediatica con la compagnia English National Opera[7][8] (Teatro Sadler's Wells) in Le nozze di Figaro di Mozart. Interpretò anche ruoli da protagonista ne Il pipistrello,[9] Der Zigeunerbaron, The Telephone di Menotti, Martha di Flotow e Hänsel e Gretel.[10] I suoi ruoli nelle opere di Offenbach, con la compagnia Sadler's Wells, comprendevano Euridice in Orfeo all'inferno e Gabrielle in La vie parisienne.

Nel 1961 e nel 1962 apparve come Maria von Trapp in The Sound of Music sul palcoscenico australiano.[11][12] Nel 1964 apparve come Elizabeth nel musical Robert ed Elizabeth al Lyric Theatre, a Londra insieme a Keith Michell come Robert Browning,[1] uno spettacolo che portò in Australia nel 1966. Apparve anche in Inghilterra in una tournée di due musical di Ivor Novello, Glamorous Night e The Dancing Years, quest'ultimo fece una stagione al Saville Theatre di Londra. È anche apparsa come Madre superiora nel revival londinese del 1981 di Rodgers e Hammerstein The Sound of Music all'Apollo Victoria Theatre.[7]

La Bronhill era forse più nota per il ruolo di Hanna Glawari in La vedova allegra di Franz Lehár, con la Sadler's Wells Opera[10] (ora conosciuta come English National Opera), con Thomas Round come Danilo nel 1958, rivisitata nel 1960.[13] Cantò in quel ruolo più di 200 volte, catturando un seguito fedele.[14]

La Bronhill visitava spesso la sua terra natale, cantando in opere come La vedova allegra, Orfeo all'Inferno, Il pipistrello e Rigoletto alla Sydney Opera House nel 1975. Nel 1976 decise di tornare definitivamente in Australia. In Australia apparve in opere come Il ratto dal serraglio (Die Entführung aus dem Serail) e una produzione della Victoria State Opera di Maria Stuarda di Donnizetti nel luglio 1976, diretta da Robin Lovejoy[15] con un cast tra cui Nance Grant diretto da Richard Divall.[16]

Ha interpretato ruoli di operetta come Josephine (H.M.S. Pinafore), Phyllis (Iolanthe) e Ruth (The Pirates of Penzance). Ha anche recitato in The Maid of the Mountains, Call Me Madam, A Little Night Music, Nunsense, My Fair Lady e How to Succeed in Business Without Really Trying, oltre ad apparire nelle commedie non musicali Arsenico e vecchi merletti e Straight and Narrow.[10]

La Bronhill apparve anche nel ruolo di Mrs Crawford nella serie comica televisiva Are You Being Served?, la versione australiana della serie comica britannica, così come nelle pubblicità televisive del Lipton Tea cantando un adattamento di Guys and Dolls.

La Bronhill era una mecenate dell'Australian Girls Choir sin dall'inizio del coro. C'è una borsa di studio a suo nome, la borsa di studio sull'incoraggiamento Bronhill di giugno, assegnata ogni anno alla corista con l'abilità più corale.

Un ritratto della Bronhill, dipinto da Andrew Sibley, è stato inserito nel Premio Archibald del 1966.[17]

Nel 1976 le è stato conferito l'Ordine dell'Impero Britannico per il suo contributo all'industria musicale.[18] A Broken Hill una strada e un auditorium prendono il nome da lei.[18]

La sua voce era caratterizzata da un "coloratura di soprano lucente come il diamante molto brillante e cristallina"[19] con "una dizione assolutamente impeccabile".[19] Opera News osservò che "La bellezza e la dolcezza cristallina e brillante della Bronhill l'hanno resa un'interprete ideale delle eroine dell'operetta".[7]

Vita privataModifica

La Bronhill si sposò due volte, prima con Brian Martin nel 1951[20] a Sydney, nel Nuovo Galles del Sud e poi con Richard Milburn Champion de Crepigny Finny,[21] nel gennaio del 1953. Entrambi i matrimoni finirono con il divorzio. Ha avuto una figlia, Carolyn Jane Finny, nel maggio del 1963 dal suo secondo matrimonio.

MorteModifica

La Bronhill morì il 24 gennaio 2005, all'età di 75 anni, nel sonno in una casa di cura di Sydney. Sebbene avesse battuto il tumore alla mammella negli anni '80, i suoi ultimi anni furono segnati dalla sordità[22] e dall'isolamento sociale e si ritirò nel 1993. La sua città natale, Broken Hill, la onorò dichiarando un minuto di silenzio durante le celebrazioni del Australia Day del 2005 due giorni dopo la sua morte.[22] Il sindaco Ron Page osservò: "È molto speciale per noi; se chiedi a ogni capofamiglia di Broken Hill, potranno dire di che sì, sono orgogliosi di June Bronhill".[22] Successivamente il Primo Ministro ad interim, John Anderson, ha osservato: "Il mondo sta piangendo la perdita di qualcuno che ha intrattenuto milioni di persone, ma è bello vedere la comunità locale qui riconoscere una dei suoi in... una comunità molto orgogliosa che celebra la vita di una delle loro figlie".[23]

AutobiografiaModifica

L'autobiografia "franca e divertente" della Bronhill, The Merry Bronhill, fu pubblicata nel 1987.[24][25] EMI Australia ha pubblicato un'antologia con lo stesso titolo per pubblicizzare il libro.

OnorificenzeModifica

La Bronhill fu nominata ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico (OBE) nei New Year Honours del 1976[26] e in seguito le è stato assegnato un Lifetime Achievement Award dall'Australian Variety Club.

NoteModifica

  1. ^ a b Paul Webb, Bronhill, June, su Grove Music Online. Oxford Music Online, Oxford University Press. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  2. ^ Biographies — Australian National University
  3. ^ Similarly, Helen Porter Mitchell chose the stage name of Nellie Melba (after Melbourne); Florence Mary Wilson chose the stage name of Florence Austral; and Elsie Mary Fischer chose the stage name Elsa Stralia (after Australia).
  4. ^ HIGH PRAISE FOR JUNE BRONHILL, in Barrier Miner, Broken Hill, NSW, 22 ottobre 1954, pp. 6. URL consultato il 23 gennaio 2017. Ospitato su Trove.
  5. ^ a b Warren Bebbington, The Oxford Companion to Australian Music, Melbourne, Oxford University Press, 1997, pp. 77, ISBN 978-0-19-553432-0.
  6. ^ Aria Winner To Sing In Mobil Quest, in Glen Innes Examiner, NSW, 25 maggio 1951, pp. 3. URL consultato il 23 gennaio 2017. Ospitato su Trove.
  7. ^ a b c Obituaries: June Bronhill, in Opera News, 69:10, 2005, pp. 92. Ospitato su Proquest.
  8. ^ SOCIAL HAPPENINGS June Bronhill Established in London, in Barrier Miner, Broken Hill, NSW, 6 ottobre 1954, pp. 5. URL consultato il 23 gennaio 2017. Ospitato su Trove.
  9. ^ June Bronhill Stars at Sadler's Wells, in Barrier Miner, Broken Hill, NSW, 8 marzo 1954, pp. 4. URL consultato il 23 gennaio 2017. Ospitato su Trove.
  10. ^ a b c Bronhill, June, 1929–2005, [Bronhill, June (singer) : programs and related material collected by the National Library of Australia], 1900. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  11. ^ TOP SOPRANO TO RETURN HOME, in The Canberra Times, 24 maggio 1961, pp. 28. URL consultato il 23 gennaio 2017. Ospitato su Trove.
  12. ^ GAY ITALIAN PERIOD OPERA - A boisterous opera of a type unfamiliar to Australian TV viewers will soon be shown on A.B.C.-TV., in The Australian Women's Weekly, 31 ottobre 1962, pp. 4. URL consultato il 23 gennaio 2017. Ospitato su Trove.
  13. ^ Alan Blyth, Obituary: June Bronhill, in The Guardian, 27 gennaio 2005. URL consultato il 26 giugno 2016.
  14. ^ Alan Blyth, June Bronhill, in The Guardian, 27 gennaio 2005, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 23 gennaio 2017.
  15. ^ Robin Lovejoy 4, su liveperformance.com.au.
  16. ^ CD5954 Donizetti Maria Stuarda 1976 Melbourne, su operapassion.com.
  17. ^ Archibald Prize finalists 1966 :: Art Gallery NSW, su www.artgallery.nsw.gov.au. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  18. ^ a b Colin Larkin, Bronhill, June, su Encyclopedia of Popular Music, 4th, Oxford University Press. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  19. ^ a b (EN) June Bronhill dies – Arts, su www.smh.com.au, 25 gennaio 2005. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  20. ^ JUNE BRONHILL MARRIED, in Barrier Miner, Broken Hill, NSW, 11 Aug 1951, pp. 3. URL consultato il 23 gennaio 2017. Ospitato su Trove.
  21. ^ June Bronhill, in Australian Women's Weekly (1933 - 1982), 6 ottobre 1976, pp. 134. URL consultato il 23 gennaio 2017. Ospitato su Trove.
  22. ^ a b c (EN) Michael Shmith, Broken Hill diva dies, su www.theage.com.au, 26 gennaio 2005. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  23. ^ (EN) Bronhill ashes to be scattered in Broken Hill, in ABC News, 31 gennaio 2005. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  24. ^ Bronhill, June, The merry Bronhill, Methuen Haynes, 1987, ISBN 978-0-454-01343-6.
  25. ^ Bronhill, frank and funny, in The Canberra Times, 14 novembre 1987, pp. 5. URL consultato il 23 gennaio 2017. Ospitato su Trove.
  26. ^ It's an Honour

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN28701320 · ISNI (EN0000 0000 7392 6163 · LCCN (ENn90714894 · BNF (FRcb17114165b (data) · WorldCat Identities (ENn90-714894