Apri il menu principale
Kassym-Jomart Tokayev
Қасым-Жомарт Тоқаев
Kassym-Jomart Tokayev (2019-04-03) 04.jpg

Presidente della Repubblica del Kazakistan
In carica
Inizio mandato 20 marzo 2019
Capo del governo Askar Mamin
Predecessore Nursultan Ábishuly Nazarbaev

Presidente del Senato
Durata mandato 16 ottobre 2013 –
20 marzo 2019
Predecessore Kairat Mami
Successore Dariga Nazarbayeva

Durata mandato 11 gennaio 2007 –
15 aprile 2011
Predecessore Nurtai Abykayev
Successore Kairat Mami

Direttore generale dell'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra
Durata mandato 12 marzo 2011 –
16 ottobre 2013
Predecessore Sergei Ordzhonikidze
Successore Michael Møller

Primo ministro del Kazakistan
Durata mandato 1º ottobre 1999 –
28 gennaio 2002
Presidente Nursultan Ábishuly Nazarbaev
Predecessore Nurlan Balgimbayev
Successore Imangali Tasmagambetov

Ministro degli Affari Esteri
Durata mandato ottobre 1994 –
12 ottobre 1999
Presidente Nursultan Ábishuly Nazarbaev
Capo del governo Akezhan Kazhegeldin
Nurlan Balgimbayev
Predecessore Kanat Saudabayev
Successore Erlan Idrissov

Dati generali
Partito politico Nu̇r Otan
Tendenza politica Centrismo
Statalismo
Università Accademia diplomatica del Ministero degli affari esteri dell'URSS

Kassym-Jomart Tokayev (in kazako Қасым-Жомарт Тоқаев; Almaty, 17 maggio 1953) è un politico kazako, Primo ministro del Kazakistan dall'ottobre 1999 al gennaio 2002; direttore generale dell'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra da marzo 2011 a ottobre 2013; presidente del Senato del Kazakistan dal 2007 al 2011 e dal 2013 al 2019. Dal 20 marzo 2019 ricopre il ruolo di 2º presidente del Kazakistan.

Indice

BiografiaModifica

Kassym-Jomart Tokayev nasce nel 1953 ad Almaty da Kemel Tokayev (1923-1986), veterano della seconda guerra mondiale e noto scrittore kazako, e Turar Shabarbayeva (1931-2001), che lavorava presso l'Istituto per le Lingue Straniere di Almaty.

Carriera politicaModifica

Prima faseModifica

Entrato nell'Istituto di Stato per le Relazioni Internazionali di Mosca nel 1970, fu mandato a frequentare dei corsi di formazione presso l'ambasciata sovietica in Cina per sei mesi. Laureatosi all'Istituto di Stato per le Relazioni Internazionali della capitale russa nel 1975, entrò nel Ministero sovietico per gli Affari Esteri e fu assegnato all'ambasciata sovietica a Singapore. Nel 1979 tornò al Ministero per gli Affari Esteri dell'Unione Sovietica. Quattro anni dopo si recò in Cina per frequentare corsi di formazione all'Istituto Linguistico di Pechino.

Dal 1984 al 1985 lavorò presso il Ministero per gli Affari Esteri, poi fu assegnato all'ambasciata sovietica di Pechino, dove svolse la propria attività fino al 1991 come Secondo Segretario, Primo Segretario e Consigliere. Nel 1991 passò all'Accademia diplomatica del Ministero degli affari esteri dell'URSS a Mosca, in un corso di formazione per alti diplomatici.

Incarichi in patriaModifica

Nel 1992 fu eletto Viceministro degli Esteri della neonata Repubblica del Kazakistan. L'anno dopo divenne Ministro degli Esteri e nel 1994 Ministro degli Affari Esteri. Il 1º ottobre del 1999 fu eletto, con il sostegno del Parlamento, Primo ministro del Kazakistan per decreto del Presidente della Repubblica del Kazakistan. Rimase in carica sino al 28 gennaio 2002, quando si dimise e assunse l'incarico di Segretario di Stato e Ministro per gli Affari Esteri, carica che ricoprì sino al gennaio 2007, quando fu eletto presidente del Senato della Repubblica del Kazakistan.

Ministro degli EsteriModifica

Tokayev ha ricoperto l'incarico di Ministro degli Esteri del Kazakistan per dieci anni, in due riprese: dal 1994 al 1999 e dal 2002 al 2007.

Come Ministro degli Affari Esteri ha giocato un ruolo decisivo nel campo della non proliferazione nucleare. Nel 1995 e nel 2005 ha partecipato alle conferenze di revisione del Trattato di non proliferazione nucleare tenutesi a New York. Nel 1996 firmò il Trattato sulla messa al bando totale degli esperimenti nucleari a New York e nel 2006, a Semipalatinsk, il Trattato per la Zona libera da armi nucleari dell'Asia centrale, che prevedeva la messa al bando di produzione, acquisizione e dispiegamento di armi atomiche nei territori delle ex repubbliche sovietiche dell'Asia centrale.

Eletto Presidente del Consiglio dei Ministri degli Affari Esteri della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) e dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, Tokayev ha preso parte a dieci sessioni dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

È assurto al grado diplomatico di Ambasciatore straordinario e plenipotenziario.

In qualità di Presidente del Senato del Kazakistan fu eletto nel 2008 vicepresidente dell'Assemblea parlamentare dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE).

Nel marzo 2011 fu nominato sottosegretario generale delle Nazioni Unite, direttore generale dell'Ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra e rappresentante personale del segretario generale delle Nazioni Unite alla Conferenza sul Disarmo, di cui è stato anche segretario generale. Ha rivestito altresì il ruolo di Ufficiale designato alla sicurezza del personale delle Nazioni Unite per la Svizzera.

Ha svolto un dottorato in scienze politiche ed è autore di nove libri e numerosi articoli sugli affari internazionali. Membro dell'Accademia Mondiale delle Arti e della Scienza, ha fatto parte del novero delle personalità eminenti della Conferenza di Monaco di Baviera sulla sicurezza, oltre ad essere professore eonorario dell'Università di Shenzhen e professore onorario e dottore dell'Accademia diplomatica del Ministero degli Affari Esteri della Federazione russa, del cui consiglio di amministrazione è componente. È rettore onorario della Scuola di Ginevra per la Diplomazia e per le Relazioni Internazionali. In qualità di segretario generale dell'Ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra ha ricevuto il premio Academicus dall'università ginevrina.

OnorificenzeModifica

Onorificenze kazakeModifica

  Ordine della Nobiltà
— 9 dicembre 1996
  Ordine di Nazarbaev
— 2004
  Ordine della Patria
— 2014
  Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila d'Oro
— 2019
  Medaglia "Astana"
  Medaglia commemorativa per i dieci anni dell'indipendenza della Repubblica del Kazakistan
  Medaglia commemorativa per i dieci anni del Parlamento della Repubblica del Kazakistan
  Medaglia commemorativa per i venticinque anni dell'indipendenza della Repubblica del Kazakistan

Onorificenze straniereModifica

  Ordine della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI)
«Per il significativo contributo personale al rafforzamento dell'amicizia tra i popoli dell'Ucraina e del Kazakistan e lo sviluppo della cooperazione ucraino-kazaka»
— 2007
  Ordine dell'Amicizia (Russia)
«Per il grande contributo al rafforzamento dell'amicizia e della cooperazione tra la Federazione Russa e la Repubblica del Kazakistan»
— 12 dicembre 2004
  Ordine d'Onore (Russia)
«Per il grande contributo al rafforzamento dell'amicizia e della cooperazione tra i popoli della Federazione Russa e della Repubblica del Kazakistan»
— 1º marzo 2017
  Ordine della Bandiera Serba di I Classe (Serbia)
— 2016
  Ordine di Jaroslav il Saggio di III Classe (Ucraina)
«Per il significativo contributo personale al rafforzamento dell'amicizia tra i popoli dell'Ucraina e del Kazakistan e lo sviluppo della cooperazione ucraino-kazaka»
— 25 febbraio 2008

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàVIAF (EN316739851 · ISNI (EN0000 0004 5093 993X · GND (DE140213767