L'Astrolabe (P 800)

L'Astrolabe
L'Astrolabe e Konk-Kerne 01.jpg
L'Astrolabe nel 2017
Descrizione generale
Civil and Naval Ensign of France.svg
TipoAuxiliary General Breaker (AGB) / Patrouilleur polaire (PP) / Navire Logistique Polaire (PLV)
ClasseBV Icebreaker 5
Numero unità1
In servizio conCivil and Naval Ensign of France.svg Marine nationale
ProprietàTerre australi e antartiche francesi Terre australi e antartiche francesi
Porto di registrazioneRiunione Port-des-Galets
IdentificazioneFASB FoxtrotAlfaSierraBravo
IMO: 9797539
MMSI: 227819100
Utilizzatore principaleCivil and Naval Ensign of France.svg Marine nationale
Altri utilizzatoriInstitut polaire français Paul-Émile Victor (IPEV)
Ordine9 giugno 2015[1]
CostruttoriPiriou
CantiereDanzica
Concarneau
Impostazione6 gennaio 2016[2]
Battesimo12 luglio 2017[3]
Costo originale50 milioni di
Viaggio inaugurale12 agosto 2017[4]
Statoattiva
Caratteristiche generali
Stazza lorda4 000 tsl
Portata lorda1 200 tpl
Lunghezza72 m
Larghezza16 m
Pescaggio5,3 m
Propulsione4 motori diesel Wärtsilä da 1 600 kW (2 175 CV) ciascuno
Velocità14 nodi (25,93 km/h)
Autonomia35 giorni a 12 kn (22 km/h)
Capacità di caricofino a 1 200 t (1 181 long ton; 1 323 short ton)
Equipaggiomax 60

#note e #collegamenti esterni

voci di navi presenti su Wikipedia

L'Astrolabe è una nave multiuso armata dalla Marine nationale, di proprietà delle Terre australi e antartiche francesi e affittata dall'Istituto polare francese Paul-Émile Victor. Il suo nome rimanda alla precedente nave polare L'Astrolabe (1988-2017)[5][6][7] dell'IPEV; questa riprendeva a sua volta il nome della nave di Jules Dumont d'Urville L'Astrolabe (ex La Coquille, 1811-1852) e della nave di Jean-François de La Pérouse e Paul Fleuriot de Langle L'Astrolabe (ex L'Autruche, 17..-1788).

StoriaModifica

Il 9 giugno 2015, il prefetto delle Terre australi e antartiche francesi sigla il contratto d'ordine de L'Astrolabe con il cantiere navale Piriou di Concarneau. Quest'ordine è il risultato di un partenariato fra tre ministeri francesi: "Outre-mer", "Défense" e "Recherche"; infatti la nave sarà acquistata dal Ministère des Outre-mer (TAAF) con un prestito finanziario dell'Agence Française de Développement, e sarà usata dal Ministère de la Recherche (IPEV) e dal Ministère de la Défense (MN).

L'Astrolabe ha una doppia missione "civile" e "militare", infatti sostituisce rispettivamente due navi: la nave polare L'Astrolabe utilizzata dall'IPEV e il pattugliatore australe Albatros utilizzato dalla Marine nationale. La Marine armerà ed equipaggerà la nave e l'IPEV la utilizzerà in affitto.

La nave svolgerà la missione civile di rifornimento delle basi francesi in Antartide (Dumont d'Urville e Concordia) per 120 giorni all'anno e la missione militare di sorveglianza della ZEE francese dell'oceano Indiano per 245 giorni all'anno.

Nel gennaio 2016, Piriou lancia la costruzione de L'Astrolabe, classificata BV ICE BREAKER 5, è basata sul design sviluppato dall'azienda francese Marine Assistance[8] ed è realizzata col supporto dell'azienda finlandese Aker Arctic[9][10], specializzata nelle navi polari.

Il 12 luglio 2017 la nave è stata battezzata presso i cantieri navali Piriou a Concarneau e l'indomani la nave è partita per Brest per ricevere l'armamento.[11]

Il 12 agosto 2017 la nave è partita alla volta de La Réunion, suo porto base[12]; dove arriva, senza scali intermedi, il 7 settembre 2017, via lo stretto di Gibilterra e il canale di Suez[13].

La sua prima "mission logistique antarctique" (MLA) è prevista durante l'estate australe 2017/2018. Il 12 ottobre 2017, L'Astrolabe parte per la prima missione; per l'occasione, il 9 ottobre 2017 è stato emesso un francobollo con l'immagine della nave.[14]

ImpiegoModifica

L'Astrolabe è armato dalla Marine nationale ed effettua due tipi di missioni:

Per svolgere le missioni in Antartide, l'Astrolabe effettua 4 o 5 rotazioni, tra novembre e febbraio, da Hobart alla base Dumont d'Urville; il materiale e il personale è in seguito trasportato per via terrestre, da Cap Prud'Homme, verso la base franco-italiana Concordia.

NoteModifica

  1. ^ (FR) Les TAAF choisissent le chantier PIRIOU pour le futur patrouilleur polaire, su taaf.fr, 10 giugno 2015. URL consultato il 4 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2017).
  2. ^ (FR) PIRIOU lance la construction du navire logistique polaire de 72m, su piriou.com, 6 gennaio 2016. URL consultato il 4 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2016).
  3. ^ (FR) Baptême de L'ASTROLABE, su piriou.com, 12 luglio 2017. URL consultato il 4 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2017).
  4. ^ (FR) Départ de L'ASTROLABE pour La Réunion, su piriou.com, 12 agosto 2017. URL consultato il 4 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2017).
  5. ^ (EN) Veristar - Equasis - L'Astrolabe, su veristar.com. URL consultato il 4 settembre 2017.
  6. ^ (FR) L’Astrolabe, su institut-polaire.fr, 10 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2015).
  7. ^ (EN) Astrolabe, su institut-polaire.fr, 16 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2015).
  8. ^ (FR) Marine Assistance Références, su marineassistance.com. URL consultato il 4 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2016).
  9. ^ (EN) Press release_ Aker Arctic and PIRIOU shipyard have signed a contract for the basic design for a Polar Logistics Vessel, su akerarctic.fi, 14 ottobre 2015. URL consultato il 4 settembre 2017.
  10. ^ (EN) L'Astrolabe, su akerarctic.fi. URL consultato il 4 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2017).
  11. ^ (FR) Baptême du patrouilleur polaire L’Astrolabe, su colsbleus.fr, 20 luglio 2017. URL consultato il 4 settembre 2017.
  12. ^ (FR) Grand départ pour le patrouilleur polaire L’Astrolabe, su colsbleus.fr, 12 agosto 2017. URL consultato il 4 settembre 2017.
  13. ^ (FR) L’Astrolabe est arrivé à La Réunion, su meretmarine.com, 8 settembre 2017. URL consultato il 9 settembre 2017.
  14. ^ (FR) Départ du patrouilleur polaire « L’Astrolabe », le 12 octobre 2017 pour sa 1ère mission en Antarctique, su taaf.fr, 12 ottobre 2017. URL consultato il 15 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2017).

BibliografiaModifica

  • (FR) ASTROLABE, su colsbleus.fr. URL consultato il 4 settembre 2017.
  • (FR) L'ASTROLABE, su colsbleus.fr, 26 luglio 2016. URL consultato il 4 settembre 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica