Léon Poirier, pseudonimo di Louis Marie Léon Alfred Poirier (Parigi, 25 agosto 1884Urval, 27 giugno 1968), è stato un regista cinematografico e direttore teatrale francese.

Biografia modifica

Nipote di Berthe Morisot, pittore impressionista, Poirier frequentò la scuola secondaria di Sainte-Croix de Neuilly, diplomandosi nel 1901; iniziò la sua carriera nel mondo del teatro come segretario del teatro Gymnasium. Rimase vedovo dopo otto mesi di matrimonio e si risposò nel 1908 con Jeanne. Dopo aver gestito due teatri parigini, Le Théâtre e La Comédie des Champs Élysées, nel 1914 si avvicinò al cinema, girando alcuni film patriottici durante la prima guerra mondiale, alla quale partecipò diventando tenente.[1]

Dopo la guerra, nel 1919, fu promosso direttore artistico delle produzioni Gaumont.[1] Tra i suoi primi film di successo, Le Penseur (1920), Jocelyn (1922), L'Affaire du courrier de Lyon (1923), La Brière (1924). Dopo di che si dedicò ai documentari, registrati soprattutto in Africa e in Asia.[1]

Fu grazie a La Croisière noire, girato assieme all'operatore Georges Specht, che scoprì l'Africa nel 1925 e ottenne consensi e successo.[1]

Nel 1936 riconquistò il favore del pubblico, sia in Francia che all'estero, con il suo film L'Appel du silenzio sur la vie du Père de Foucauld; questo film è considerato il suo capolavoro.[1]

Si ritirò quindi a Urval, città di cui fu sindaco dal 1959 fino alla sua morte nel 1968.

Lascia un'autobiografia intitolata À la recherche d'autre chose.

Opere modifica

  • Le Penseur (1920);
  • Jocelyn (1922);
  • L'Affaire du courrier de Lyon (1923);
  • La Brière (1924);
  • La Croisière noire (1925);
  • L'Appel du silenzio sur la vie du Père de Foucauld (1936).

Note modifica

  1. ^ a b c d e Poirier, Léon, in le muse, IX, Novara, De Agostini, 1967, p. 242.

Bibliografia modifica

  • (EN) R. Abel, French film theory and criticism. A history/anthology, Princeton, 1988.
  • (FR) Pierre Billard, L'âge classique du cinéma français : du cinéma parlant à la Nouvelle Vague, Flamarrion, 1995.
  • A. Boschi, Teorie del cinema. Il periodo classico 1915-1945, Roma, 1998.
  • (FR) Marie-France Briselance e Jean-Claude Morin, Grammaire du cinéma, Parigi, Nouveau Monde, 2010.
  • (FR) (a cura di) M. Ciment e J. Zimmer, La critique de cinéma en France, Parigi, 1997.
  • (FR) Jean-Michel Frodon, L'Âge moderne du cinéma français : De la Nouvelle Vague à nos jours, Flamarrion, 1995.
  • (FR) Christophe Gauthier, La passion du cinéma : cinéphiles, ciné-clubs et salles spécialisées à Paris de 1920 à 1929, Parigi, Association française de recherche sur l'histoire du cinéma : École des chartes, 1999.
  • (FR) N. Ghali, L'avant-garde cinématographique en France dans les années vingt. Idées, conceptions, théories, Parigi, 1995.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12349639 · ISNI (EN0000 0000 3745 8665 · LCCN (ENno90026920 · GND (DE1058603582 · BNF (FRcb12173573c (data)