Apri il menu principale

La La La (Naughty Boy)

La La La
ArtistaNaughty Boy
FeaturingSam Smith
Tipo albumSingolo
Pubblicazione18 maggio 2013
Durata3:43 (single version)
4:05 (video edit)
Album di provenienzaHotel Cabana
GenereUK garage
Pop
ProduttoreNaughty Boy, Komi, Mojam
Registrazioneaprile 2013
Certificazioni
Dischi d'oroGermania Germania[1]
(vendite: 150 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[2]
(vendite: 7 500+)
Dischi di platinoAustralia Australia[3]
(vendite: 70 000+)
Danimarca Danimarca (2)[4]
(vendite: 60 000+)
Italia Italia (2)[5]
(vendite: 60 000+)
Naughty Boy - cronologia
Singolo precedente
(2012)
Singolo successivo
(2013)
Sam Smith - cronologia
Singolo precedente
(2013)
Singolo successivo
(2013)

La La La è un singolo del DJ britannico Naughty Boy, pubblicato il 18 maggio 2013 come secondo estratto dal primo album in studio Hotel Cabana.

Il singolo ha visto la collaborazione del cantautore britannico Sam Smith.

Il brano ha raggiunto la vetta della classifica nel Regno Unito[6] e in Italia[7].

Video musicaleModifica

Il videoclip è ispirato ad una leggenda della Bolivia secondo la quale un bambino sordo abusato dal padre aveva il potere di sentire il dolore nelle persone e di fermarlo. Così un giorno scappa e dopo aver incontrato un cane randagio per strada, decide di andare a scoprire l'origine di tutti i mali.

Durante il suo viaggio incontra un vecchio che è considerato lo scemo del villaggio, ricoperto di polvere bianca e sabbia a causa dei bambini che usavano lanciargli contro delle pietre. Ritenuto scemo, tutti gli ballano e cantano attorno (nel video è rappresentato da delle donne) ma il bambino riesce a fargli ritrovare il vero se stesso regalandogli un cuore (la scena nel video mostra infatti che il bimbo gli compra un cuore).

In seguito il vecchio, il bambino e il cane incontrano un uomo che a causa di una maledizione si ritrova con una proboscide al posto del naso che per scherzo è continuamente travolto dalle auto delle persone benestanti della città.

Insieme tutti continuano il viaggio attraverso il deserto di sale (Salar de Uyuni) dove scoprono che tutti i mali hanno origine da una statua nascosta in una grotta. La scultura rappresenta un grande personaggio del folclore locale: el Supay, il diavolo, che i minatori chiamano affettuosamente Tio, cioè zio. Poiché l'ambiente dove lavorano ha qualche somiglianza con l'inferno, i «mineros» di Potosí sono convinti che il demonio in persona sia il vero, unico proprietario dei minerali che estraggono e per tenerselo buono gli offrono continuamente sacrifici di lama, così da compiacerlo.

Giunti nei pressi della grotta, il cane avendo paura resta fuori, mentre il vecchio e l'uomo accompagnano dentro il bambino. Nonostante ciò, entrambi non resistono lì e vanno via salutando il bambino che invece vuole restare.

Il video ha ottenuto la certificazione Vevo.

Classifiche di fine annoModifica

Classifica (2013) Posizione
Italia[8] 22

NoteModifica

  1. ^ (DE) Certificazione Germania, su musikindustrie.de. URL consultato il 9 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2013).
  2. ^ (EN) Certificazione Nuova Zelanda, su nztop40.co.nz. URL consultato il 9 settembre 2013.
  3. ^ (EN) Certificazione Australia, su ariacharts.com.au. URL consultato il 9 settembre 2013.
  4. ^ (DA) Certificazione Danimarca, su ifpi.dk. URL consultato il 20 settembre 2013.
  5. ^ Certificazione Italia, settimana 28, su fimi.it. URL consultato il 28 luglio 2013.
  6. ^ 2013-06-01 Top 40 Official Singles Chart UK Archive | Official Charts
  7. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Classifiche Archiviato il 9 agosto 2013 in Internet Archive.
  8. ^ Classifiche annuali 2013: un anno di musica italiana, su fimi.it. URL consultato il 7 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2014).

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica