Leader dell'opposizione (Spagna)

posizione parlamentare del Congresso dei Deputati, Spagna
Leader dell'opposizione
Líder de la oposición
PP icono 2019.svg
Pablo Casado 2020c (cropped).jpg
Pablo Casado, attuale Leader dell'opposizione
StatoSpagna Spagna
TipoLeader dell'opposizione
In caricaPablo Casado (PP)
da21 luglio 2018
Istituito28 dicembre 1982 (formalmente)
8 febbraio 1983 (ufficialmente)
Durata mandatoNessun termine fisso
SedeNessuna residenza ufficiale

Il Leader dell'opposizione (in spagnolo: Líder de la oposición) chiamato anche capo dell'opposizione (in spagnolo: Jefe de la oposición) è un titolo non ufficiale, per lo più convenzionale e onorario frequentemente (ma non esclusivamente) detenuto dal leader del più grande partito al Congresso dei Deputati, la camera bassa del parlamento spagnolo, le Cortes Generales, non all'interno del governo. Di solito è la persona che dovrebbe guidare quel partito alle future elezioni generali.

Dal 31 ottobre 2016 al 18 giugno 2017 il titolo è stato conteso tra due grandi partiti di sinistra, il PSOE e Podemos. La posizione è rimasta vacante dopo che il governo di Mariano Rajoy è stato estromesso con mozione di sfiducia il 2 giugno 2018, fino all'elezione di Pablo Casado come nuovo leader del PP.

StoriaModifica

Il primo leader dell'opposizione riconosciuto è stato Felipe González, che ha guidato il Partito Socialista Operaio Spagnolo dal 1974 e 1997 (il principale partito di opposizione in Spagna durante la transizione del paese verso la democrazia), una posizione che ha ricoperto fino al 1982. Prima del 1983, il ruolo era solo un titolo informale non menzionato nella legislazione e senza conseguenze pratiche.

Nel 1986, Manuel Fraga si dimise da presidente dell'Alleanza Popolare e nel frattempo fu sostituito da Miguel Herrero de Miñón. Mentre Herrero de Miñón ha servito come leader ad interim dell'AP fino a quando non si è tenuto un congresso di partito nel febbraio 1987, è stato riconosciuto come leader dell'opposizione a pieno titolo, l'unico caso del genere per un leader di partito ad interim da allora.[1][2][3]

Nel 1998, con il Partito Popolare al governo, Josep Borrell sconfisse il segretario generale del Psoe, Joaquín Almunia, in un'elezione primaria per eleggere il candidato del partito alla carica di Presidente del governo nelle successive elezioni generali.[4] Almunia ha mantenuto la sua posizione di leader del partito, mentre Borrell è stato nominato portavoce del partito al Congresso e ha ricevuto la guida del gruppo parlamentare, quest'ultimo ufficialmente riconosciuto come il leader dell'opposizione.[5][6] Tuttavia, Almunia e Borrell hanno continuato a combattere per la leadership per mesi, in una situazione nota come "bicefalia"[7][8]- fino a quando un accordo tra le due parti ha finalmente riconosciuto Borrell come leader dell'opposizione a novembre del 1998. Alla fine si sarebbe dimesso da candidato alla carica nel maggio 1999, dando ad Almunia la leadership unica e indiscussa sul partito e sull'opposizione.

La posizione è stata nuovamente contestata nel 2016, pochi giorni dopo che la commissione di gestione ha rilevato il PSOE dopo la crisi interna di ottobre. Detto questo, Pablo Iglesias si è proclamato il nuovo leader dell'opposizione sulla base della forza del suo partito al Congresso, con 67 seggi contro gli 84 del PSOE. Durante il secondo dibattito sull'investitura di Mariano Rajoy il 27 ottobre, i media ei parlamentari spagnoli hanno riconosciuto a Iglesias il ruolo di leader dell'opposizione sotto Rajoy, affrontandolo come suo principale rivale durante un accesso scambio dialettico unitamente al fatto che il PSOE si è astenuto per consentire l'inaugurazione di questo. Tuttavia, il titolo è rimasto in discussione dalle dimissioni di Pedro Sánchez e nessun leader ufficiale è stato riconosciuto, poiché il PSOE non aveva un leader del partito fino alle primarie di giugno 2017, in cui Sánchez ha riconquistato la sua posizione.

FunzioneModifica

Non specificatamente previsto dalla legge, il funzionamento della posizione si basa principalmente su abitudini, protocolli e convenzioni. Il termine di "Leader dell'opposizione" è legalmente riconosciuto solo in un regio decreto approvato nel 1983 che stabilisce l'ordine di precedenza delle autorità pubbliche in atti ufficiali generali organizzati dalla Corona, dal governo o dall'amministrazione statale, riconoscendo la figura del Leader dell'opposizione ma solo per metterlo al quindicesimo posto nell'elenco dell'ordine di precedenza.

Con l'accordo dell'Ufficio del Congresso del 28 dicembre 1982, Manuel Fraga è stato riconosciuto come leader dell'opposizione dal governo del PSOE di Felipe González, avendo egli stesso guidato in modo non ufficiale l'opposizione dal 1977 al 1982. Tale accordo, ulteriormente ampliato l'8 febbraio 1983, ha stabilito una serie di condizioni per il ruolo e assegnato alcune prerogative per l'incaricato:

  • La determinazione della persona che svolge il ruolo di leader dell'opposizione deve soddisfare criteri di effettiva preminenza numerica parlamentare.
  • Non ci deve essere una nomina formale.
  • Non è necessario sollevare problemi di compatibilità per il ruolo.
  • Deve mancare di uno stipendio vero e proprio, anche se può avere diritto alle spese di rappresentanza, alla disponibilità dei veicoli nonché alle cure fornite ai membri dell'Ufficio.

Il Leader dell'Opposizione ha diritto a un ufficio speciale nel Congresso dei Deputati se è membro della Camera. Inoltre, il titolare della carica di solito riceve molta più attenzione dai media durante le sessioni e le attività parlamentari, come nel dibattito annuale sullo stato della nazione. Un precedente consolidato ha anche portato il leader dell'opposizione di solito a sedere direttamente di fronte al Primo ministro nel piano dei posti del Congresso, purché abbia un seggio al Congresso dei Deputati. Sebbene non sia richiesto che un leader dell'opposizione abbia un seggio al Congresso, ci sono state solo due occasioni in cui il titolare della carica riconosciuto non aveva un tale seggio:

  • Antonio Hernández Mancha (1987-1989), che aveva un seggio al Senato.
  • Pedro Sánchez (2017-2018), che ha lasciato il suo seggio al Congresso dopo aver rassegnato le dimissioni da leader del PSOE nell'ottobre 2016 ed è rimasto senza seggio dopo la rielezione.

Anche in assenza di una legge che definisca il ruolo del leader dell'opposizione, è consuetudine condurre incontri di aggiornamento tra il Primo ministro e il presidente del più grande partito al di fuori del governo. Tuttavia, tali riunioni vengono svolte principalmente durante il tempo libero del Primo ministro.

Leader dell'opposizioneModifica

Leader dell'opposizione in Spagna  
Nome Mandato Partito Legislatura
  Felipe González 21 giugno 1977 - 1º dicembre 1982 PSOE Legislatura Constituyente
I Legislatura
  Manuel Fraga 1 dicembre 1982 - 1º dicembre 1986 AP II Legislatura
III Legislatura
  Miguel Herrero de Miñón (ad interim) 1 dicembre 1986 -8 febbraio 1987 AP III Legislatura
  Antonio Hernández Mancha 8 febbraio 1987 - 20 gennaio 1989 AP III Legislatura
  Manuel Fraga 20 gennaio 1989 - 21 novembre 1989 PP III Legislatura
  José María Aznar 21 novembre 1989 - 4 maggio 1996 PP IV Legislatura
V Legislatura
  Felipe González 4 maggio 1996 - 22 giugno 1997 PSOE VI Legislatura
  Joaquín Almunia 22 giugno 1997 - 24 aprile 1998 PSOE VI Legislatura
  Josep Borrell 24 aprile 1998 - 14 maggio 1999 PSOE VI Legislatura
  Joaquín Almunia 14 maggio 1999 - 12 marzo 2000 PSOE VI Legislatura
  Luis Martínez Noval (ad interim) 12 marzo 2000 - 22 luglio 2000 PSOE VII Legislatura
  José Luis Rodríguez Zapatero 22 luglio 2000 - 16 aprile 2004 PSOE VII Legislatura
  Mariano Rajoy 16 aprile 2004 - 20 dicembre 2011 PP VIII Legislatura
IX Legislatura
  Alfredo Pérez Rubalcaba 20 dicembre 2011 - 13 luglio 2014 PSOE X Legislatura
  Pedro Sánchez 13 luglio 2014 - 1º ottobre 2016 PSOE X Legislatura
XI Legislatura
XII Legislatura
  Antonio Hernando (ad interim) 1º ottobre 2016 - 18 giugno 2017 PSOE XII Legislatura
  Pedro Sánchez 18 giugno 2017 - 1º giugno 2018 PSOE XII Legislatura
  Mariano Rajoy 1º giugno 2018 - 21 luglio 2018 PP XII Legislatura
  Pablo Casado 21 luglio 2018 - in carica PP XII Legislatura
XIII Legislatura
XIV Legislatura

NoteModifica

  1. ^ (ES) Herrero de Miñón tendrá "todos los poderes" en Alianza Popular hasta el congreso extraordinario, in El País, Ediciones El País, 6 dicembre 1986, ISSN 1134-6582 (WC · ACNP). URL consultato il 9 gennaio 2021.
  2. ^ (ES) La oposición tiene nuevo jefe, in El País, Ediciones El País, 7 dicembre 1986, ISSN 1134-6582 (WC · ACNP). URL consultato il 9 gennaio 2021.
  3. ^ (ES) Las minorías parlamentarias esperan que Fraga pierda el estatuto de jefe de la oposición, in El País, Ediciones El País, 5 agosto 1986, ISSN 1134-6582 (WC · ACNP). URL consultato il 9 gennaio 2021.
  4. ^ (ES) Portada de EL PAÍS del 25-04-1998, su El País, Ediciones El País. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  5. ^ (ES) Borrell será el portavoz socialista en el Congreso y hablará en el debate del estado de la nación, in El País, Ediciones El País, 26 aprile 1998, ISSN 1134-6582 (WC · ACNP). URL consultato il 9 gennaio 2021.
  6. ^ (ES) Editorial | Balance del debates, in El País, Ediciones El País, 14 maggio 1998, ISSN 1134-6582 (WC · ACNP). URL consultato il 9 gennaio 2021.
  7. ^ (ES) Almunia deja en manos del Comité Federal el reparto de papeles mientras Borrell reitera que es el líder, su www.elmundo.es. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  8. ^ (ES) Cronología de una crisis, in El País, Ediciones El País, 21 novembre 1998, ISSN 1134-6582 (WC · ACNP). URL consultato il 9 gennaio 2021.