Leone Magiera

pianista e insegnante italiano

Leone Magiera (Modena, 26 giugno 1934) è un pianista, direttore d'orchestra e insegnante di canto italiano.

Leone Magiera (2007)

Nel 2022 fonda l'Associazione Leone Magiera[1] con lo scopo di promuovere e sostenere giovani artisti in ambito musicale, portare avanti la tradizione della musica classica e del canto lirico italiano e di promuovere e sostenere giovani artisti che operano nelle arti visive, performative e multimediali. Presidente Onorario del Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara[2] è Ambasciatore per meriti artistici presso l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani.

BiografiaModifica

Magiera è nato a Modena nel 1934 dall'ingegnere Ubaldo, appartenente ad un'antica famiglia modenese di giuristi, e Anna Maria Gatti Grami, discendente da una stirpe di grandi possidenti terrieri.[3][4][5]
Ragazzo prodigio, si è esibito per la prima volta in concerto a 12 anni, è cresciuto alla scuola di Lino Rastelli, Giorgio Vidusso e Alberto Mozzati e si è diplomato in pianoforte col massimo dei voti all'età di 18 anni, al conservatorio "Arrigo Boito" di Parma. Successivamente si è diplomato in canto (ramo didattico), direzione di coro, composizione e musica corale al conservatorio "Giovan Battista Martini" di Bologna, di cui diventerà, per concorso nazionale, docente a soli 25 anni e dove insegnerà per 35 anni. Suoi allievi sono stati Mirella Freni, Luciano Pavarotti, Ruggero Raimondi, Peter Glossop. Mirella Freni è stata anche la sua prima moglie, della quale è stato maestro e preparatore negli anni dello studio e nei primi venti anni di carriera. Amico d'infanzia di Luciano Pavarotti, è stato il suo preparatore, pianista accompagnatore e il direttore d'orchestra preferito. Magiera ha, infatti, diretto la terza recita della prima opera cantata da Pavarotti, (La bohème, la cui prima si è tenuta a Reggio Emilia il 29 aprile 1960), e lo ha accompagnato in più di mille concerti e recite teatrali; sempre lui ha diretto l'orchestra nell'ultima esibizione di Pavarotti, nell'aria Nessun dorma dalla Turandot, all'apertura dei Giochi Olimpici invernali di Torino nel 2006.

Come pianista si è esibito, sia come solista, sia come accompagnatore di cantanti, in tutti i più importanti festival, teatri del mondo e sale di concerto; tra essi, ricordiamo: Teatro alla Scala, Maggio Musicale Fiorentino, Festival di Salisburgo, Musikverein di Vienna, Opera di Parigi, Metropolitan di New York, con raffinati programmi cameristici e/o operistici. Come direttore d'orchestra e preparatore ha collaborato con molti dei più importanti direttori: Otto Klemperer, Carlo Maria Giulini, Claudio Abbado, Zubin Mehta, Carlos Kleiber, Georg Solti. Con Herbert von Karajan ha avuto un rapporto artistico di particolare intensità: von Karajan lo ha voluto come collaboratore per numerose produzioni operistiche e come coordinatore dei corsi per cantanti lirici al Festival di Salisburgo.

Nel corso della sua carriera musicale Magiera ha scoperto e seguito negli anni dell'affermazione diversi talenti del canto, come il tenore Fabio Sartori, i soprani Francesca Pedaci, Carmela Remigio e Mariangela Sicilia. Molto richiesto come didatta, è ancora impegnato in numerose masterclass, sia in Italia sia all'estero.

È stato segretario artistico del Teatro alla Scala di Milano, direttore della programmazione del Maggio Musicale Fiorentino e consulente musicale e direttore artistico di diverse associazioni musicali.

Ha pubblicato alcuni volumi dedicati al canto, tradotti in molte lingue: Luciano Pavarotti, Mirella Freni e Ruggero Raimondi per le edizioni Ricordi. Di recentissima pubblicazione il volume Karajan edito da La Nave di Teseo.

La sua discografia, in veste di pianista e di direttore d'orchestra, annovera centinaia di CD e DVD per le etichette EMI, DECCA, BASF, DGG.

Recentemente ha ripreso la carriera pianistica da solista e si è cimentato in programmi particolarmente complessi, che hanno evidenziato una solida tecnica e una straordinaria musicalità. Dopo il CD con una scelta di sonate di Clementi (ed. Bongiovanni), ha appena pubblicato con AURA Music un CD con i 24 Studi di Chopin. Di prossima pubblicazione, Scherzi e Ballate di Chopin.

Vive a Bologna.

OnorificenzeModifica

  Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 dicembre 2000[6]

Accademico onorario della Regia Accademia Filarmonica

- Bologna 1 febbraio 1984

Premio per l'arte- Ragno d'Oro 1990- UNICEF

Modena 10 febbraio 1990

Melwin Jones Fellow

Lions Clubs International Foundation

21 giugno 1991

Ambasciatore dei Diritti umani per meriti artistici

Organizzazione per i Diritti umani in stato consultivo in ECOSOC (Economic Social Council), organo amministrativo delle Nazioni Unite

Maggio 2021

Presidente Onorario

Fondazione Teatro Comunale "Claudio Abbado" di Ferrara

Ottobre 2021

OpereModifica

SaggiModifica

NoteModifica

  1. ^ Nascono l'Associazione e il Premio Leone Magiera - Musica, su Agenzia ANSA, 27 novembre 2022. URL consultato il 2 dicembre 2022.
  2. ^ Leone Magiera nuovo presidente onorario del Teatro Comunale, su www.comune.fe.it. URL consultato il 2 dicembre 2022.
  3. ^ (IT) AL COMUNE L’ARCHIVIO DELL'AVVOCATO MAGIERA, in Sito Ufficio Stampa Comune di Modena. URL consultato il 4 marzo 2017.
  4. ^ A. Borella (a cura di), Annuario della Nobiltà Italiana, Edizione XXXII, Teglio (SO), 2015, S.A.G.I. Casa Editrice, Vol. 2 della Parte II, alla voce Sessa (2° ramo, estinto nei Gatti Grami).
  5. ^ Sesto S. Giovanni, Fondazione ISEC, Archivio Zaccaria, Archivio generale: amministrazione, Atti di famiglie diverse, Busta 15, Fasc. 83, Gonzaga (Mantova) 1861 - 1864: Atti notarili riguardanti beni e possedimenti delle famiglie Riva e Gatti Grami.
  6. ^ Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana - MAGIERA Maestro Leone

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN27259885 · ISNI (EN0000 0001 2125 4008 · LCCN (ENn81071423 · BNF (FRcb139721308 (data) · J9U (ENHE987007406728405171 · WorldCat Identities (ENlccn-n81071423