Apri il menu principale

Liebster Gott, wann werd' ich sterben?

cantata di Johann Sebastian Bach
Liebster Gott, wann werd' ich sterben?
CompositoreJohann Sebastian Bach
Tipo di composizionecantata
Numero d'operaBWV 8
BC A 173
Epoca di composizione1724
Prima esecuzione24 settembre 1724
Pubblicazione1851 (BGA I)
1982 (NBA I/23)
AutografoB-Br Ms II 3905 Mus (Fétis 1985) (parti, 1a versione)
D-LEb Thomana 8, Faszikel 1 (parti, 2a versione)
DedicaXVI domenica dopo la Ss. Trinità
Durata mediacirca 20 minuti
Organicosoprano solista, contralto solista, tenore solista, basso solista, coro, flauto I e II, oboe d'amore I e II, archi, corno e basso continuo.
Movimenti
6

Liebster Gott, wann werd' ich sterben? (in tedesco, "Amato Dio, quando morirò?") BWV 8 è una cantata di Johann Sebastian Bach.

StoriaModifica

La cantata venne composta a Lipsia nel 1724 per la XVI domenica dopo la Trinità e fu eseguita il 24 settembre dello stesso anno. Il testo è basato su un corale omonimo di Caspar Neumann per i movimenti 1 e 6 e su testo di autore sconosciuto per gli altri movimenti.

StrutturaModifica

La Liebster Gott, wann werd' ich sterben? è composta per soprano solista, contralto solista, tenore solista, basso solista, coro, flauto I e II, oboe d'amore I e II, archi, corno e basso continuo ed è suddivisa in sei movimenti:

  1. Coro: Liebster Gott, wann werd' ich sterben? ("Amato Dio, quando morirò?"), per tutti.
  2. Aria: Was willst du dich, mein Geist, entsetzen ("Perché ti spaventi, anima mia"), per tenore, oboe d'amore e continuo.
  3. Recitativo: Zwar fühlt mein schwaches Herz ("Dunque il mio debole cuore prova"), per contralto, archi e continuo.
  4. Aria: Doch weichet, ihr tollen, vergeblichen Sorgen! ("Ritiratevi, dunque, vane e terribili angosce!"), per basso, flauti, archi e continuo.
  5. Recitativo: Behalte nur, o Welt, das Meine! ("Conserva, mondo, ciò che è mio!"), per soprano e continuo.
  6. Corale: Herrscher über Tod und Leben ("Sovrano sulla vita e sulla morte"), per tutti.

Esiste anche una versione alternativa di questa cantata, forse riarrangiata nel 1746-1747, che comprende diverse modifiche minori nella strumentazione, come, nel primo movimento, le parti degli oboi assegnate ai violini.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN185109543 · LCCN (ENn90698113 · GND (DE300006837 · BNF (FRcb13909912s (data) · WorldCat Identities (ENn90-698113
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica