Apri il menu principale
Love Hurts
ArtistaCher
Tipo albumStudio
Pubblicazione11 giugno 1991
Durata43:53 Europa
46:45 Stati Uniti Canada
Dischi1
Tracce12 Europa
11 Stati Uniti Canada
GenereRock
Pop
EtichettaGeffen Records
ProduttoreJohn Kalodner
Registrazione1990-1991
Certificazioni
Dischi d'oroStati Uniti Stati Uniti[9]
(Vendite: 500.000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[1]
(Vendite: 70.000+)
Austria Austria[2]
(Vendite: 50.000+)
Canada Canada[3]
(Vendite: 100.000+)
Germania Germania[4]
(Vendite: 500.000+)
Svezia Svezia[5]
(Vendite: 100.000+)
Svizzera Svizzera[6]
(Vendite: 50.000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[7]
(Vendite: 15.000+)
Regno Unito Regno Unito (3)[8]
(Vendite: 1.000.000+)
Cher - cronologia
Album precedente
(1990)
Album successivo
Greatest Hits: 1965-1992
(1992)
Singoli
  1. The Shoop Shoop Song (It's In His Kiss)
    Pubblicato: 1990
  2. Love and Understanding
    Pubblicato: 1991
  3. Save Up All Your Tears
    Pubblicato: 1991
  4. Love Hurts
    Pubblicato: 1991
  5. Could've Been You
    Pubblicato: 1992
  6. When Lovers Become Strangers
    Pubblicato: 1992

Love Hurts è il terzo ed ultimo album realizzato dalla cantante Cher per la casa discografica Geffen. È stato pubblicato in tutto il mondo nell'estate del 1991.

Indice

Il discoModifica

L'album segue la formula dei due precedenti dischi di Cher, un pop rock molto semplice ma efficace. La lista tracce contiene quattro cover: The Shoop Shoop Song (It's in His Kiss) (Merry Clayton, 1963), A World Without Heroes (Kiss, 1980), Save Up All Your Tears (Bonnie Tyler, 1988) e Love Hurts (Everly Brothers, 1960), di quest'ultima Cher ne fece un'altra nel 1975 per l'album Stars.

Il disco presenta due differenze fondamentali tra l'edizione americana e quella europea: la prima riguarda la cover mentre la seconda è l'aggiunta nella tracklist Europea della canzone The Shoop Shoop Song (It's in His Kiss). In Europa il disco ottiene un successo straordinario: scala le classifiche di vendita fino alle posizioni più alte e diviene più volte disco di platino. Nel Nord America invece, la reazione del pubblico e della critica è più fredda e le vendite del disco volano basse. Nonostante tutto Love Hurts supera, in termini di vendita, i due precedenti lavori di Cher e diventa il suo album più venduto con oltre 16 milioni di copie (record che verrà battuto da Believe nel 1998).

TracceModifica

  1. Save Up All Your Tears (Diane Warren; Desmond Child)
  2. Love Hurts (Boudleaux Bryant)
  3. Love and Understanding (Warren)
  4. Fires of Eden (Mark Goldenberg; Kit Hain)
  5. I'll Never Stop Loving You (Sue Shifrin; David Cassidy; John Wetton)
  6. One Small Step (Barry Mann; Wendy Waldman; Brad Parker)
  7. A World Without Heroes (Paul Stenley; Gene Simmons; Lou Reed; Bob Ezrin)
  8. Could've Been You (Arnie Roman; Bob Halligan Jr.)
  9. When Love Calls Your Name (Jimmy Scott; Tom Snow)
  10. When Lovers Become Strangers (D. Warren)
  11. Who You Gonna Believe (Steve Fonatano; Joe Marquez; Jerry Marquez)
Traccia bonus nella versione europea
  1. The Shoop Shoop Song (It's In His Kiss) (Rudy Clark)

ClassificheModifica

Classifica (1991) Posizione
massima
Austria 1
Germania 2
Irlanda 1
Norvegia 1
Regno Unito 1
Stati Uniti 48
Svizzera 1

NoteModifica

  1. ^ ARIA Charts - Gold and Platinum ARIA Accreditation Awards
  2. ^ "Austrian album certifications – Cher – Love Hurts" (in German). IFPI Austria. http://www.ifpi.at/?section=goldplatin. Enter Cher in the field Interpret. Enter Love Hurts in the field Titel. Select album in the field Format. Click Suchen
  3. ^ "Canadian album certifications – Cher – Love Hurts". Music Canada. Copia archiviata, su musiccanada.com. URL consultato il 10 agosto 2012 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2012)..
  4. ^ "Gold-/Platin-Datenbank (Cher; 'Love Hurts')" (in German). Bundesverband Musikindustrie. http://www.musikindustrie.de/gold_platin_datenbank/?action=suche&strTitel=Love+Hurts&strInterpret=Cher&strTtArt=alben&strAwards=checked.
  5. ^ "Guld- och Platinacertifikat − År 1987−1998" (in Swedish) (PDF). IFPI Sweden. Copia archiviata (PDF), su ifpi.se. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012)..
  6. ^ "The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Cher; 'Love Hurts')". Hung Medien. http://www.swisscharts.com/search_certifications.asp?search=Cher+Love+Hurts.
  7. ^ ^ Scapolo, Dean (2007). The Complete New Zealand Music Charts 1966-2006. Maurienne House. ISBN 1-877443-00-X.
  8. ^ "British album certifications – Cher – Love Hurts". British Phonographic Industry. https://www.bpi.co.uk/brit-certified/. Enter Love Hurts in the field Search. Select Title in the field Search by. Select album in the field By Format. Click Go
  9. ^ "American album certifications – Cher – Love Hurts". Recording Industry Association of America. https://www.riaa.com/goldandplatinumdata.php?artist=%22Love+Hurts%22[collegamento interrotto]. If necessary, click Advanced, then click Format, then select Album, then click SEARCH

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica