Lucio Valerio Flacco (pretore 63 a.C.)

politico romano console nel 63 a.C.
Lucio Valerio Flacco
Nome originaleLucius Valerius Flaccus
Morte54 a.C.
GensValeria
MadreLucio Valerio Flacco console nell'86 a.C.
Pretura63 a.C.

Lucio Valerio Flacco (in latino: Lucius Valerius Flaccus; ... – 54 a.C.) è stato un politico romano, pretore durante la Repubblica.

Figlio di Lucio Valerio Flacco console nell'86 a.C., Flacco servì in Cilicia come tribuno militare, sotto Publio Servilio Vatia Isaurico, nel 78 a.C., divenendo poi questore in Spagna sotto Marco Pupio Pisone. Partecipò insieme a Gneo Pompeo Magno alla seconda fase della terza guerra mitridatica come legatus negli anni 66-64 a.C.[1] Raggiunta la pretura nel 63 a.C., fece pervenire a Marco Tullio Cicerone, console per quell'anno, le carte che gli ambasciatori degli Allobrogi avevano ricevuto dai complici della congiura di Lucio Sergio Catilina. L'anno seguente amministrò la provincia d'Asia.

Nel 59 a.C. fu accusato di estorsione durante la sua amministrazione: Flacco era certamente colpevole delle accuse, ma la difesa di Quinto Ortensio e di Cicerone, che compose per lui l'orazione pro Valerio Flacco, lo fece dichiarare innocente.

NoteModifica

  1. ^ Cassio Dione Cocceiano, Storia romana, XXXVI, 54.2.

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5028147270651935700001 · GND (DE123717280