Apri il menu principale

Lughignano

frazione del comune italiano di Casale sul Sile
Lughignano
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Treviso-Stemma.png Treviso
ComuneCasale sul Sile-Stemma.png Casale sul Sile
Territorio
Coordinate45°37′25″N 12°19′18″E / 45.623611°N 12.321667°E45.623611; 12.321667 (Lughignano)Coordinate: 45°37′25″N 12°19′18″E / 45.623611°N 12.321667°E45.623611; 12.321667 (Lughignano)
Altitudine8[1] m s.l.m.
Superficie5,6 km²
Abitanti1 850[2]
Densità330,36 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale31032
Prefisso0422
Fuso orarioUTC+1
Patronosan Martino vescovo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Lughignano
Lughignano

Lughignano (Lughignàn /lugi'ɲan/ in veneto) è una frazione di Casale sul Sile, in provincia di Treviso. Dista circa 3,5 km dal capoluogo comunale.

Geografia fisicaModifica

Il centro sorge tra Casale e Casier lungo la SP 67 "Jesolana". Subito ad est dell'abitato scorre il fiume Sile, mentre ad ovest si snoda lo scolo Rigolo.

A nord-ovest del paese transita l'autostrada A27.

StoriaModifica

Vi sono varie ipotesi sull'origine del toponimo. Se fosse romano, potrebbe derivare dal latino leucus Iani "bosco di Giano", o da un prediale riferito a un Luconius[3]. Un'altra teoria lo fa più antico, rimandandolo alla divinità gallica Lugus[4].

L'antico vicus Lugunianus è citato per la prima volta nel 790. Nel medioevo si ha notizia di un fortilizio presso il Sile (da cui l'antico colmello Torre, citato dal 710) e di una nobile famiglia da Lughignano, i cui membri sedettero al consiglio dei Trecento di Treviso.

In passato si caratterizzò come località di transito per i traffici fluviali[3].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Chiesa di San MartinoModifica

La parrocchiale di San Martino avrebbe origini longobarde o carolinge e ospitò forse una comunità di frati legata al monastero di Casier. La prima menzione è però del 1152, ricordata come dipendenza della pieve di Casale. Nel 1459 le furono unite le cappelle di Cendon e Sant'Elena, ma furono in seguito distaccate per le difficoltà di comunicazione (si trovavano al di là del Sile). Fu rimaneggiata e riconsacrata nel 1509 e nel 1915 fu sostanzialmente rifatta su progetto di Antonio Beni.

Della chiesa originale restano l'abside romanica e il campanile, in stile lagunare. L'interno è a tre navate con tetto a capriate. Da ricordare un Crocifisso cinquecentesco conservato sul lato destro del presbiterio[3].

Villa GabbianelliModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: villa Gabbianelli.

Si trova nei pressi della chiesa, presso la riva del Sile. Si tratta di uno dei primi esempi di villa veneta: fu costruita nel Quattrocento e, secondo una tradizione non accertata, lo avrebbe realizzato Caterina Cornaro come dono di nozze per la sua ancella Fiammetta.

Coerentemente con le sue antiche origini, l'edificio presenta uno stile di transizione tra l'architettura gotica e quella rinascimentale e si avvicina particolarmente ai palazzi lagunari. La facciata principale è quella rivolta al fiume e presenta al pianoterra un porticato con cinque archi a tutto sesto e una quadrifora al primo piano. Pareti e travature sono impreziosite da diverse decorazioni pittoriche, sia all'esterno che all'interno.

FornaciModifica

A Lughignano sono tuttora presenti due importanti fornaci (non in funzione), che continuarono un'attività presente da secoli lungo il Sile: la Bertoli, aperta nel 1919 e la Caberlotto, la quale nel 1902 fornì i mattoni per la ricostruzione del campanile di San Marco.

Campo sportivo Amatori Calcio CasaleModifica

A Lughignano è presente un campo sportivo aperto al pubblico dove si disputano gli allenamenti e gli scontri interni della squadra degli "Amatori Calcio Casale".

NoteModifica

  1. ^ Dato dal XIV Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni.
  2. ^ In assenza di dati ufficiali precisi, si è fatto riferimento alla popolazione della parrocchia, reperibile nel sito della CEI.
  3. ^ a b c Vivi la città - comune di Casale sul Sile, 2003 Copia archiviata (PDF), su 012345.com. URL consultato il 5 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2004). (PDF).
  4. ^ Daniele Scomparin, La pieve di Casale sul Sile. Il territorio, le cappelle e i comuni minori, Silea, Piazza Editore, 1994, pp. 44-45.