Luigi Boschi

vescovo cattolico italiano
Luigi Boschi
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato3 agosto 1853 a Montesanto
Nominato vescovo9 giugno 1902 da papa Leone XIII
Consacrato vescovo11 giugno 1902 dal cardinale Francesco di Paola Cassetta
Deceduto20 gennaio 1924 (70 anni) a Ripatransone
 

Luigi Boschi (Montesanto, 3 agosto 1853Ripatransone, 20 gennaio 1924) è stato un vescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Luigi Boschi nacque a Montesanto, l'odierna Potenza Picena, il 3 agosto 1853. Il 9 giugno 1902 fu eletto vescovo di Ripatransone, viene consacrato due giorni dopo dal cardinale Francesco di Paola Cassetta

I primi anni del suo ufficio videro (30 ottobre 1907) l'istituzione in alcune località della diocesi della Società Operaia San Pio V, sodalizio assistenziale in favore di operai, contadini e artigiani; il tutto nell'ambito del movimento cattolico sorto in Italia in quegli anni. La fondazione fu sancita nel palazzo vescovile davanti al vescovo stesso. La società fu sciolta nel 1933.[1]

Sul finire, il ministero di monsignor Boschi fu turbato da violenze verso il vescovo stesso e il clero nel quadro di azioni squadristiche che precedettero la Marcia su Roma. All'indomani di questa data (22 ottobre 1922), il vescovo sporse denuncia contro ignoti per vandalismi subiti dall'episcopio e dalle abitazioni di alcuni sacerdoti.[2] Boschi morì a Ripatransone pochi mesi dopo (20 gennaio 1924) e qui fu sepolto. Nonostante gli eventi recenti, le onoranze funebri furono scortate da una squadra fascista in divisa.[1]

La sede vacante fu riunita in persona episcopi a quella di Montalto, sotto il vescovo Luigi Ferri.

Genealogia episcopaleModifica

La genealogia episcopale è:

NoteModifica

  1. ^ a b Alfredo Rossi. Vicende ripane. Centobuchi, 2002.
  2. ^ Giuseppe Chiaretti. Il Movimento Cattolico a San Benedetto del Tronto, Ripatransone e Montalto Marche fra Ottocento e Novecento - Appunti per una ricerca. Il Segno, Negar, Verona, 1988.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica