Apri il menu principale

Luigi Mapelli

compositore e direttore d'orchestra italiano

BiografiaModifica

Nato a Bellinzago Lombardo, figlio del campanaro della chiesa locale, nel 1872 si iscrisse al Conservatorio di Milano, dove ebbe tra i suoi insegnanti Polibio Fumagalli, Angelo Panzini, Franco Faccio e Antonio Bazzini. Qui fece eseguire le sue prime composizioni: un'ouverture, una serenata per organo e, come saggio di diploma, il 23 agosto 1879, una sinfonia.

Nel 1884 vinse il primo Concorso Sonzogno per atti unici di compositori esordienti con Anna e Gualberto, su libretto di Ferdinando Fontana, ex aequo con Guglielmo Zuelli (La fata del Nord). Le due opere furono rappresentate al Teatro Manzoni (Milano) il 4 maggio di quell'anno.

La vittoria al Concorso Sonzogno fu un fuoco di paglia. A partire dal 1885 Mapelli si dedicò soprattutto alla didattica, ricoprendo le due cattedre di armonia e di contrappunto e fuga (quest'ultima come supplente e dal 1887 come professore) al Conservatorio di Milano. Tra i suoi allievi vi fu Federico Caudana.

Le sue Melodie sacre furono pubblicate da Bertarelli, a Milano, a cura di Lorenzo Perosi. Alcuni suoi mottetti vengono eseguiti dalla Cappella del Duomo di Milano fin dai tempi della direzione di Luciano Migliavacca, che ne fu grande estimatore.

ComposizioniModifica

Opere liricheModifica

Musica sinfonicaModifica

  • Ouverture per orchestra (1875)
  • Sinfonia (1879)

Musica sacraModifica

  • Messa di requiem per Vittorio Emanuele II (1899)
  • Norma Sanctorum, corale a cinque voci reali (soprano, contralto, 2 tenori, basso) con armonium ad libitum, per il XIII centenario della morte di San Gregorio Magno (1904)
  • Salmo VIII a otto voci a cappella
  • Veritas mea
  • Alla mente confusa, preghiera per quattro voci e pianoforte, versi di Giuseppe Giusti
  • Tu es via, mottetto per quattro voci e organo
  • Justus ut palma florebit, mottetto per due voci e organo
  • Tantum ergo a due voci
  • Ave Maria a due voci con organo o armonium
  • Beata Mater , antifona per soprano e contralto con accompagnamento di armonium
  • Spes per quattro voci e organo
  • Missa Benedicamus Domino per quattro voci e organo
  • Orietur, mottetto per la festa dell'Epifania, a tre voci maschili
  • Ego sum panis vivus, antifona a quattro voci
  • In paradisum, antifona per voce sola
  • Tota pulchra, per soprano e contralto (tenore e basso ad libitum) con accompagnamento d'organo
  • Lux æterna, per coro a quattro voci e organo ad libitum

Composizioni vocali da cameraModifica

  • A Santa Maria di Oropa, versi di Giovanni Camerana, per le nozze di Margherita Tamagno e Alfredo Talamona (eseguita nell'occasione da Francesco Tamagno e incisa dallo stesso tenore)
    • Sono sola!, romanza per mezzosoprano e pianoforte, versi di Cesare Cantù
    • Alla sposa, melodia per soprano e pianoforte «per le fauste nozze Carnielo-Fellini»
    • Luglio
    • Fantasie del core, album di 6 pezzi vocali da camera con accompagnamento di pianoforte, premiato al Concorso Rossini dell'Accademia Filarmonica di Bologna

AltroModifica

  • Serenata per organo (1876)
  • Romanza per pianoforte

BibliografiaModifica

  • Andrea Sessa, Il melodramma italiano 1861-1900. Dizionario bio-bibliografico dei compositori, Firenze, Olschki, 2003, pp. 295–6 - ISBN 88-222-5213-6
Controllo di autoritàVIAF (EN307445115 · LCCN (ENno2013105450