Manio Aquillio (console 101 a.C.)

(Reindirizzamento da Manlio Aquillio (console 101 a.C.))
Manio Aquilio
Roma, denario di manius aquililius, 109-108 ac ca.JPG
Denario di Manio Aquillio, 109-108 a.C.
Nome originaleManius Aquillius
Nascita141 a.C. ca.
Morte88 a.C.
Asia
GensAquillia
PadreManio Aquillio

Manio Aquillio [1] (latino: Manius Aquillius; fl. 141 a.C. ca.-88 a.C.; ... – ...) fu un uomo politico e generale della Repubblica romana.

Sconfisse gli insorti in occasione delle Guerre servili, ma fu catturato e ucciso durante la sua campagna contro Mitridate VI del Ponto.

BiografiaModifica

Figlio di Manio Aquillio (console nel 129 a.C.) e nipote di Manio Aquillio, fu collega di Mario nel suo quinto consolato del 101 a.C. e suo luogotenente. Fu incaricato di domare la Guerra servile in Sicilia (104-100 a.C.), causata dalla rivolta degli schiavi diretta dal cilicio Atenione: avendo sottomesso completamente gli insorti, tornò a Roma nel 100 a.C., celebrando un trionfo.

Nel 98 a.C. Lucio Fufio lo accusò di cattiva amministrazione in Sicilia. Nel processo che ne seguì, fu difeso da Marco Antonio Oratore: malgrado l'esistenza di prove schiaccianti della sua colpevolezza, venne prosciolto in considerazione del suo valore nella guerra servile.

Nell'89 a.C. fu inviato in Asia come legato consolare a condurre la guerra contro Mitridate VI e i suoi alleati. Sconfitto presso Protophachium insieme all'alleato bitino Nicomede IV,[2] venne catturato poco dopo e consegnato a Mitridate dagli abitanti di Mitilene:[3] Mitridate lo trattò inumanamente, facendolo poi morire colandogli dell'oro fuso in gola.

NoteModifica

  1. ^ William Smith, Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, 1, Boston: Little, Brown and Company, Vol.2 pag.271 n.5 Archiviato il 17 dicembre 2005 in Internet Archive.
  2. ^ Appiano, Guerre mitridatiche, 19.
  3. ^ Velleio Patercolo, Historiae Romanae ad M. Vinicium libri duo, II, 18.3.

BibliografiaModifica

Predecessore Console romano Successore  
Quinto Lutazio Catulo
e
Gaio Mario IV
(101 a.C.)
con Gaio Mario V
Lucio Valerio Flacco
e
Gaio Mario VI