Mare dei Wadden

mare interno nell'Europa nord-occidenale
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Mare dei Wadden
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Mer des Wadden
13-09-29-nordfriesisches-wattenmeer-RalfR-19.jpg
TipoNaturali
Criterio(viii) (ix) (x)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2009
Scheda UNESCO(EN) Wadden Sea
(FR) Scheda

Il Mare dei Wadden (in danese Vadehavet, olandese Waddenzee, tedesco Wattenmeer, basso-tedesco: Wattensee, frisone occidentale: Waadsee) è un piano mesolitorale, e le piane di marea e le terre umide ad esso collegate, che si trovano tra il Mare del Nord e un tratto di costa dell'Europa nord-occidentale. Si estende da Den Helder nei Paesi Bassi a sud-ovest fino a Esbjerg in Danimarca, per una lunghezza totale di circa 450 km, una larghezza compresa tra 5,5 e 30 km e una superficie di circa 10.000 km².

Immagine satellitare della Frisia Orientale
La parte occidentale del Mare dei Wadden

Il limite tra il Mare dei Wadden e il Mare del Nord è costituito dalle Isole Frisone. Il Mare dei Wadden è famoso per la ricchezza della fauna e della flora. Oggi una grande parte del Mare dei Wadden è protetta dai tre stati congiuntamente. I tipici bassifondi fangosi (wadden) sono simili alle velme della laguna di Venezia.

Nel giugno 2009 il Mare dei Wadden è stato inserito tra i patrimoni dell'umanità dell'UNESCO per il suo valore naturale. Si tratta di un patrimonio interstatale, condiviso tra Danimarca, Germania e Paesi Bassi. Una delle attività che si praticano qui è la camminata nel fango, ovvero il camminare sul fango lasciato scoperto dal mare durante i periodi di bassa marea.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Mare di Wadden, www.olanda.cc. URL consultato il 13 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  • (EN) Common Wadden Sea Secretariat, su waddensea-worldheritage.org.
  • (NL) Waddenzee, su www.rijkswaterstaat.nl, Ministerie van Infrastuctuur en Milieu (Ministero delle Infrastrutture e dell'Ambiente dei Paesi Bassi). URL consultato il 5 dicembre 2015.