Maria Eleonora di Brandeburgo

principessa tedesca
Maria Eleonora di Brandeburgo
Contessa palatina di Simmern-Kaiserslautern
Nascita Cölln, 1 aprile 1607
Morte Bad Kreuznach, 18 febbraio 1675
Padre Gioacchino Federico, Margravio di Brandeburgo
Madre Eleonora di Prussia
Consorte Luigi Filippo, conte palatino di Simmern-Kaiserslautern

Marie Eleonora di Brandeburgo (Cölln, 1º aprile 1607Bad Kreuznach, 18 febbraio 1675) è stata una principessa del Brandeburgo e contessa palatina del Palatinato-Simmern, di cui fu reggente dal 1655 al 1658, tedesca.

BiografiaModifica

Era l'unica figlia del principe elettore Gioacchino Federico di Brandeburgo (1546-1608) e della sua seconda moglie Eleonora di Hohenzollern (1583-1607), figlia del duca Alberto Federico di Prussia. Rimasta orfana in tenera età, crebbe con lo zio Cristiano.

Sposò il 4 dicembre 1631 a Cölln sulla Sprea il conte palatino Luigi Filippo di Simmern-Kaiserslautern (1602-1655), fratello del re Federico V del Palatinato. Nella primavera del 1632 dopo la liberazione del Palatinato operata dagli svedesi, la coppia vi si trasferì, essendone stata affidata l'amministrazione a Luigi Filippo. Questi venne poi espulso nel 1635 dalle truppe imperiali e la coppia visse per diversi anni in esilio a Metz ed a Sedan.

Dopo la morte di Luigi Filippo, il nipote Carlo Luigi sostenne la propria candidatura a reggente del Palatinato-Simmern, ma Maria Eleonora, descritta come donna energica, s'oppose ai suoi disegni, con il sostegno del suo pronipote, il principe elettore Federico Guglielmo di Brandeburgo, sinché l'imperatore Ferdinando III la confermò il 6 luglio 1655 reggente del principato.

Fu una sostenitrice del teologo Johannes Cocceius, con cui intrattenne una fitta corrispondenza.

Maria Eleonora visse a Kaiserslautern, e sopravvisse a tutti i suoi figli, assistendo in tal modo all'estinzione della linea del Palatinato-Simmers, i cui domini tornarono al Palatinato. È sepolta nella chiesa di Santo Stefano a Simmern. Il suo motto fu: "Dio è il mio conforto e fiducia."

DiscendenzaModifica

Maria Eleonora ebbe sette figli, di cui solo due raggiunsero l'età adulta:

BibliografiaModifica

  • Friedrich Bulau: Geheime Geschichten und räthselhafte Menschen: Sammlung verborgener oder vergessener Merkwürdigkeiten, Band 2, 1850, S. 192 ff.
  • Winfried Dotzauer: Geschichte des Nahe-Hunsrück-Raumes von den Anfängen bis zur Französischen Revolution, Franz Steiner Verlag, 2001, S. 319

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN55335086 · GND (DE133369404 · CERL cnp01126713 · WorldCat Identities (ENviaf-55335086