Apri il menu principale

Mary Arden

attrice statunitense

BiografiaModifica

Nata nel Missouri, si sposta ancora molto giovane a New York. Bionda, molto espressiva e dotata di una bellezza fine ed elegante negli anni della Dolce vita romana, lavora come modella e attrice in Europa. In qualità di modella ha lavorato per importanti stilisti come Yves Saint Laurent, Christian Dior e Karl Lagerfeld posando per importati riviste italiane del tempo.

Negli anni 1960 prese poi parte a diversi film, soprattutto di genere poliziottesco, nei quali, complice la sua algida bellezza, ha sovente ricoperto ruoli da cattiva e antagonista, lavorando spesso con il regista Lucio Fulci. La sua prima apparizione risale al 1962 nel film L'attico dove affianca Daniela Rocca, oltre a Walter Chiari e Tomas Milian. Tra i suoi film più importanti ricordiamo Sei donne per l'assassino, diretto da Mario Bava, in cui interpreta il ruolo di Peggy. Degno di nota anche il lungometraggio A... come assassino nel quale interpreta il ruolo della diabolica e conturbante Angela, e il film Kriminal nel quale interpreta la bella e perfida Gloria. Nel 1965, inoltre, prende parte, con un piccolo ruolo, a Giulietta degli spiriti di Federico Fellini.

Negli anni 1970 rientra nel suo paese natale dove, oltre a proseguire saltuariamente la carriera di attrice, lavora come direttrice di marketing per la Helena Rubinstein International. Dal 1980 ha curato svariate rubriche documentaristiche e di moda per Channel 11 Noon News di Los Angeles, e per alcune emittenti televisive messicane.

Ritornata in pianta stabile a New York, fonda la Arden Associates, azienda operante nel campo della moda e della cosmesi, intervenendo spesso in programmi televisivi statunitensi[1]. Ha svolto inoltre attività di docenza presso l'università di New York insegnando business communication.

È morta a New York all'età di 81 anni.

Vita privataModifica

È stata moglie dell'attore americano Arthur Hansel.

FilmografiaModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN94341130 · ISNI (EN0000 0000 8281 7575 · WorldCat Identities (EN94341130