Apri il menu principale

Varianti in altre lingueModifica

Origine e diffusioneModifica

 
Micol aiuta Davide a fuggire dalla finestra, di Gustave Doré

Riprende con pronuncia sefardita il nome di Mikal, la figlia di Saul che andò sposa a Davide, citata nell'Antico Testamento[2][3]. L'etimologia del nome, in ebraico מִיכַל (Michal), è dibattuta: secondo alcune fonti potrebbe avere il significato di "ruscello" (lo stesso del nome Brook)[3], mentre altri gli danno la stessa origine di Michele, ossia un nome teoforico basato sulla domanda retorica "Chi è come Dio?"[4].

La sua diffusione in Italia può essere dovuta anche al romanzo di Giorgio Bassani Il giardino dei Finzi-Contini, dove compare un personaggio così chiamato. Nella corrente dizione italiana l'accento è posto generalmente sull'ultima sillaba ma alcuni lo pongono anche sulla prima[2][5]. Va notato che la forma ebraica Michal coincide con la forma ceca e slovacca del nome Michele, a cui però non è correlato.

OnomasticoModifica

Micol è un nome adespota, in quanto non esistono sante chiamate così. L'onomastico si festeggia dunque il 1º novembre, giorno di Ognissanti.

PersoneModifica

Variante MichalModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Michal.

Il nome nelle artiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Accademia della Crusca, p. 682.
  2. ^ a b c La Stella T., p. 250.
  3. ^ a b c d e f g (EN) Michal, su Behind the Name. URL consultato il 6 febbraio 2015.
  4. ^ a b Holman References, p. 235.
  5. ^ Spadafora, p. 43.

BibliografiaModifica

  Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi