Mondorf-les-Bains

comune lussemburghese

Mondorf-les-Bains (lussemburghese: Munneref; tedesco: Bad Mondorf) è un comune del Lussemburgo sud-orientale. Fa parte del cantone di Remich, nel distretto di Grevenmacher. È situato a ridosso del confine francese, formando di fatto un'unica conurbazione con il comune di Mondorff appartenente alla regione francese del Grand Est. Mondorf-les-Bains ospita una stazione termale (dalla quale deriva il suo nome) e l'unico casinò del Lussemburgo.

Mondorf-les-Bains
comune
Mondorf-les-Bains (FR)
Munneref (LU)
Bad Mondorf (DE)
Mondorf-les-Bains – Stemma
Mondorf-les-Bains – Veduta
Mondorf-les-Bains – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera del Lussemburgo Lussemburgo
DistrettoGrevenmacher
CantoneRemich
Amministrazione
SindacoMaggy Nagel (DP)
Territorio
Coordinate49°30′N 6°17′E / 49.5°N 6.283333°E49.5; 6.283333 (Mondorf-les-Bains)
Altitudine186 - 317 m s.l.m.
Superficie13,66 km²
Abitanti4 222 (2008)
Densità309,08 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Lussemburgo
Mondorf-les-Bains
Mondorf-les-Bains
Mondorf-les-Bains – Mappa
Mondorf-les-Bains – Mappa
Sito istituzionale

Nel 1945 un albergo della città (il Palace, risparmiato dalle distruzioni della guerra) fu scelto dagli Alleati per ospitare temporaneamente i prigionieri di guerra nazisti in attesa del processo di Norimberga. Durante l'occupazione alleata, il transito nella cittadina fu vietato dalle 19 alle 7 del mattino[1]. Lo stato perdurò fino al 5 settembre, giorno nel quale gli imputati lasciarono la località lussemburghese, alla volta di Norimberga.

Nel 2005, la città di Mondorf-les-Bains, capoluogo del comune che si trova nella parte sud-orientale del suo territorio, aveva una popolazione di 2.812 abitanti. Le altre località che fanno capo al comune sono Altwies e Ellange.

È la città natale dei ciclisti Andy Schleck e Fränk Schleck e dell'artista circense John Grün.

Amministrazione modifica

Gemellaggi modifica

Note modifica

  1. ^ Enzo Biagi, La seconda guerra mondiale - Una storia di uomini, Milano, Gruppo editoriale Fabbri, 1983, p. 2742-43, ISBN non esistente.
  2. ^ Gemellaggi del comune di Terracina dal sito istituzionale del comune, su comune.terracina.lt.it. URL consultato l'8 agosto 2017 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2017).

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN147710103 · GND (DE4138251-1 · WorldCat Identities (ENlccn-n00025824
  Portale Lussemburgo: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Lussemburgo