Apri il menu principale
Monte Barro
Monte Barro dal Magnodeno.jpg
Monte Barro visto dal Magnodeno
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaLecco Lecco
Altezza922 m s.l.m.
Prominenza657 m
CatenaAlpi
Coordinate45°49′56.62″N 9°22′45.4″E / 45.832394°N 9.379277°E45.832394; 9.379277Coordinate: 45°49′56.62″N 9°22′45.4″E / 45.832394°N 9.379277°E45.832394; 9.379277
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Barro
Monte Barro
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Barro
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Nord-occidentali
SezionePrealpi Luganesi
SottosezionePrealpi Comasche
SupergruppoCatena del Triangolo Lariano
GruppoGruppo dei Corni di Canzo
SottogruppoSottogruppo Barro-Crocione
CodiceI/B-11.I-C.9.b

Il monte Barro (o monte di Galbiate) è un monte isolato nelle Prealpi Lombarde con un'altitudine di 922 m s.l.m.

DescrizioneModifica

È una delle prime montagne delle Prealpi ad essere incontrata sulla strada da Milano a Lecco, lungo la statale 36, che passa proprio in una galleria sotto la montagna. Il suo territorio è quasi tutto compreso nel comune di Galbiate, dove ha sede anche l'omonimo parco regionale.

StoriaModifica

Indagini archeologiche condotte tra il 1986 e il 1997 hanno messo in luce sul rilievo importanti testimonianze di epoca altomedievale. Secondo una tradizione accolta dal cronista milanese Galvano Fiamma, in questo luogo aveva trovato rifugio Gerberga, figlia del re longobardo Desiderio, in fuga da Carlo Magno. Gli archeologi hanno individuato i resti di un insediamento militare, costruito in un arco di tempo compreso tra il V secolo d.C. e l'età gota.

Di rilievo è il cosiddetto Grande Edificio, probabilmente residenza di un funzionario pubblico. Tra i reperti, si segnala, infatti, una corona pensile, che simboleggiava il legame con il potere pubblico. Molti oggetti rinvenuti negli scavi sono conservati nel Museo Archeologico del Barro allestito presso l'Eremo.

L'area archeologica di Monte Castelletto[collegamento interrotto] è una scoperta recente, effettuata nel 2007 a seguito di ricerche di superficie. Il sito, scavato finora tra il 2011 e il 2015, è costituito dai resti di una torre medievale cui era collegata una cinta muraria che racchiudeva un piccolo nucleo di edifici. Sorge su una collina alle propaggini orientali del Monte Barro dove, la naturale topografia dell'area posta a controllo del fiume Adda, della città di Lecco e di tutte le vie di comunicazione, l'hanno reso un luogo privilegiato per la costruzione di una fortificazione. Le strutture visibili attualmente sul posto riguardano le fasi più recenti dell'insediamento e sono relative ad un'occupazione di XIII secolo d.C., quando una piccola guarnigione militare presidiava la torre e controllava il territorio. Le campagne di scavo hanno mostrato però che la frequentazione del luogo inizia molto tempo prima, a partire almeno dal VIII secolo d.C., ma le ricerche sono ancora in corso e fasi più antiche dell'insediamento restano ancora da scavare. Un sentiero ben segnalato conduce al sito con una breve passeggiata nel bosco, dove un pannello illustrativo racconta quanto è stato trovato negli scavi archeologici effettuati e ricostruisce le vicende legate alle strutture scoperte.

Itinerari di salitaModifica

Sono presenti diversi itinerari che permettono di esplorare a fondo il parco del monte Barro. Il più completo e panoramico è un percorso ad anello che parte da Galbiate e vi porta in vetta attraverso il sentiero delle creste. Raggiunta la cima si prosegue verso il Sasso della Vecchia (per giro più ampio e più impegnativo) oppure direttamente verso l’eremo del monte Barro. Dall'eremo si rientra a Galbiate attraverso un sentiero o una strada asfaltata. Il giro completo consiste in un percorso di 9,5 km e 700 metri di dislivello da superare.[1]

NoteModifica

  1. ^ Escursione al Monte Barro, su lemontagne.net.

BibliografiaModifica

  • Gian Pietro Brogiolo, Sauro Gelichi, Nuove ricerche sui castelli altomedievali in Italia Settentrionale, 1996, pp. 22-31, ISBN 88-7814-107-0. (intervista a Gian Pietro Brogiolo, 2 dicembre 2016)
  • Don Rinaldo Beretta - 1923 - Il castello e il convento di Montebarro, A.S.L., a. L, fasc. 1-2, 159–171 [Ripubblicato con rimaneggiamenti in Appunti storici…, 43–58, con il titolo La rocca e il convento di Montebarro].

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica