Apri il menu principale

Mortizza

frazione del comune italiano di Piacenza

Geografia fisicaModifica

Al momento dell'annessione a Piacenza, il comune di Mortizza era più esteso di quello del capoluogo, coprendo una vasta zona tra il fiume Po a nord, il torrente Nure ad est, la s città di Piacenza a ovest[2] ed il comune di San Lazzaro Alberoni a sud, per una superficie totale di 4635 ettari[3].

StoriaModifica

Il nome Mortizza deriva dall'insalubrità dalle acque stagnanti che rimanevano nella zona a seguito degli straripamenti del fiume Po[3].

Già frazione di Piacenza, dal 1806 al 1821 è frazione del comune di Roncaglia istituito con la Mairie francese e confermato con un decreto del 1812 che limitava la città di Piacenza alla circonvallazione posta attorno alla cinta muraria. A partire dal 1821 la sede comunale viene spostata nella frazione di Le Mose ed il nome del comune cambiato in Mortizza[4].

Venne annessa nel 1923 al comune di Piacenza[5] motivando tale provvedimento con la presenza di una rendita parassitaria a causa del beneficiare dei servizi offerti dalla città degli abitanti dei comuni limitrofi[2].

Geografia antropicaModifica

Il comune comprendeva, oltre al capoluogo, le frazioni di Roncaglia, Bosco dei Santi, Gerbido, Le Mose, frazione condivisa con il comune di San Lazzaro Alberoni e nella quale era situato il palazzo comunale[2] e Sparavera nella cui parrocchia era ricompreso il capoluogo[3].

NoteModifica

  1. ^ ISTAT - 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni - Tavola: Popolazione residente per sesso
  2. ^ a b c Carmelo Sciascia, Quando Piacenza era più piccola di Mortizza. Viaggio nelle frazioni, su ilpiacenza.it, 30 giugno 2018. URL consultato il 9 agosto 2019.
  3. ^ a b c Zuccagni-Orlandini, pp.342-343
  4. ^ Guida dell'archivio di stato di Piacenza - Parte III, su archiviodistatopiacenza.beniculturali.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  5. ^ Regio Decreto 8 luglio 1923, n. 1729

BibliografiaModifica

  • Attilio Zuccagni-Orlandini, Corografia fisica, storica e statistica dell'Italia e delle sue isole corredata di un atlante di mappe geografiche e topografiche e di altre tavole illustrative - Parte VI, Firenze, 1839.
  Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia