Apri il menu principale
Museo diocesano di Treviso
MuseoDiocesano.JPG
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàTreviso
IndirizzoVia Canoniche, 9
Caratteristiche
Tipoarcheologia, arte sacra
Apertura1988

Il Museo diocesano è un museo di Treviso, inaugurato nel 1988. È ospitato nell'edificio comunemente detto le "Canoniche Vecchie" (XII secolo), antica sede dei canonici della cattedrale di San Pietro apostolo.

Indice

OpereModifica

Il museo si sviluppa in varie sale su diversi livelli, dove sono presentate opere differenziate per tipologia, scuola e provenienza.

Sezione archeologicaModifica

L'itinerario espositivo inizia a pian terreno con la sezione archeologica presenta vari reperti marmorei, per la maggior parte, di destinazione funeraria, fra cui di particolare rilievo:

PinacotecaModifica

 
Gesù nel sepolcro - affresco staccato, di Tommaso da Modena.

Il museo presenta opere molto eteronegee di artisti prevalentemente veneti, fra cui Padovanino, Rocco Marconi, Palma il Giovane, Andrea Celesti ed altri. Tra le opere esposte di particolare rilievo:

OreficeriaModifica

La parte più importante di questa sezione è costituita dal tesoro del duomo che costituisce un importante repertorio d'arte orafa fra cui spiccano:

  • due legature di libri liturgici (XIII - XIV secolo), in argento sbalzato;
  • due bacoli pastorali (fine XIV secolo), uno in avorio policromo e l'altro in argento;
  • una croce astile con la raffigurazione di San Pietro (XV secolo), in argento, di bottega veneziana;
  • una pisside esagonale (XV secolo), in argento dorato.

A corredo dell'oreficeria sono qui esposte preziose opere provenienti dalla cattedrale come:

  • Gesù Cristo benedicente in trono (inizio XIV secolo), in marmo, di anonimo scultore veneto;
  • un paliotto in legno dorato con la raffigurazione del Giudizio Universale (XIV secolo);
  • due rilievi in alabastro (XIV secolo) di manifattura inglese.

Paramenti sacri e tessutiModifica

Di grande rilievo anche la raccolta di paramenti sacri, arricchita anche da alcuni ricordi di papa Pio X, originario della provincia trevigiana. Di particolare rilievo:

  • tessuti e ricami (XV - XIX secolo), tra cui vanno segnalati i camici decorati con merletti di Burano;
  • un piviale (XVII secolo) di damasco rosso e broccato di manifattura veneziana;
  • una tonacella (XVIII secolo), di provenienza veneziana.
  • arazzo con la Raccolta della manna (XVI secolo), di scuola fiamminga.

BibliografiaModifica

  • Giacomini Miari Erminia e Mariani Paola, Musei religiosi in Italia, Milano 2005, pp. 310 - 311
  • Zuffi Stefano, I Musei Diocesani in Italia. Primo volume, Palazzolo sull'Oglio (BS) 2003, pp. 74 - 77

Voci correlateModifica