Neotomodon alstoni

specie di mammifero
(Reindirizzamento da Neotomodon)

Neotomodon alstoni (Merriam, 1898) è un roditore della famiglia dei Cricetidi, unica specie del genere Neotomodon (Merriam, 1898), endemico del Messico.[1][2]

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Neotomodon alstoni
Stato di conservazione
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Cricetidae
Sottofamiglia Neotominae
Genere Neotomodon
Specie N.alstoni
Nomenclatura binomiale
Neotomodon alstoni
Merriam, 1898
Sinonimi

N.orizabae

DescrizioneModifica

DimensioniModifica

Roditore di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 100 e 130 mm, la lunghezza della coda tra 80 e 105 mm, la lunghezza del piede tra 23 e 27 mm, la lunghezza delle orecchie tra 19 e 23 mm e un peso fino a 60 g.[3]

Caratteristiche craniche e dentarieModifica

Il cranio è largo e presenta una scatola cranica breve, arcate zigomatiche espanse, il palato che si estende oltre gli ultimi molari e i fori palatali lunghi ed ampi. I molari sono grandi, hanno la corona appiattita e l'aspetto prismatico. I primi due superiori hanno due rientranze sul lato esterno ed una su quello interno, mentre il terzo ha l'aspetto di un piccolo chiodo.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 0 0 1 1 0 0 3
3 0 0 1 1 0 0 3
Totale: 16
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

AspettoModifica

La pelliccia è soffice e densa, le parti dorsali variano dal grigiastro al bruno fulvo, i fianchi sono giallo-brunastri, mentre le parti ventrali sono bianche, spesso con dei riflessi giallo-brunastri sul petto. Il muso è appuntito, gli occhi sono grandi. Le orecchie sono grandi, rotonde e praticamente prive di peli. La pianta dei piedi è provvista di sei tubercoli. La coda è più corta della testa e del corpo, è scura sopra, più chiara sotto. Le femmine hanno un paio di mammelle pettorali e due inguinali. Il cariotipo è 2n=48 FN=66.

BiologiaModifica

ComportamentoModifica

È una specie terricola e notturna, attiva principalmente prima della mezzanotte. Costruisce semplici sistemi di tane in terreni ben drenati e talvolta sotto ammassi rocciosi con le aperture parzialmente nascoste dalla vegetazione. Talvolta utilizza tane di altri roditori, come Thomomys umbrinus.

AlimentazioneModifica

Si nutre di gambi, piccoli germogli e foglie d'erba.

RiproduzioneModifica

Si riproduce dai primi di giugno alla fine di settembre. Danno alla luce 2-5 piccoli alla volta due o tre volte l'anno dopo una gestazione di 25-35 giorni. Vengono svezzati dopo 20-30 giorni.

Distribuzione e habitatModifica

Questa specie è limitata alla catena vulcanica del Messico centrale, negli stati di Michoacán settentrionale, Mexico, Distrito Federal, Morelos, Tlaxcala, Puebla centrale e Veracruz occidentale.

Vive in radure e pinete tra 2.590 e 4.267 metri di altitudine.

TassonomiaModifica

Sono state riconosciute 2 sottospecie:

Stato di conservazioneModifica

La IUCN Red List, considerato il vasto areale e la popolazione presumibilmente numerosa, classifica N.alstoni come specie a rischio minimo (LC).[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Álvarez-Castañeda, S.T. & Castro-Arellano, I. 2008., Neotomodon alstoni, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Neotomodon alstoni, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Ceballos, 2014.

BibliografiaModifica

  • E.R.Hall, The Mammals of North America, The Blackburn Press; 2nd edition, 1981. ISBN 978-1930665354
  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 9780801857898
  • Ceballos G, Mammals of Mexico, The johns hopkins University Press, 2014. ISBN 978-1-4214-0843-9.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi