Nerio Malvezzi de' Medici

politico italiano
Nerio Malvezzi de' Medici
Nerio De Medici.gif

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 4 aprile 1909 –
11 gennaio 1929
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio laurea
Nerio Malvezzi de' Medici
Marchese di Castel Guelfo
Stemma
In carica 3 ottobre 1892 –
11 gennaio 1929
Predecessore Titolo inesistente
Successore Aldobrandino Lodovico Malvezzi de' Medici
Trattamento Sua Eccellenza
Altri titoli Conte
Patrizio di Bologna
Dinastia Malvezzi de' Medici
Padre Giovanni Luigi Malvezzi de' Medici
Madre Augusta Tanari
Consorte Costanza Trotti
Figli Aldobrandino Lodovico
Religione cattolicesimo

Nerio Malvezzi de' Medici (Bologna, 2 ottobre 1856Bologna, 11 gennaio 1929) è stato un politico italiano.

BiografiaModifica

Figlio del patriota e senatore Giovanni Luigi Malvezzi de' Medici, di nobilissima famiglia bolognese, e di Augusta Tanari, dedicò la sua giovinezza agli studi, e si laureò in scienze giuridiche. Fu dottore onorario del Collegio filologico, accademico onorario della Reale accademia delle scienze, membro del Consiglio superiore degli archivi di stato, socio della Regia deputazione di storia patria per le province della Romagna. Grazie alla sua mediazione la casa e la biblioteca di Giosuè Carducci furono comprate dalla regina Margherita di Savoia e da essa donate alla città di Bologna.

Vita politicaModifica

Fu deputato al parlamento nelle legislature XXI (1900) e XXII (1904), ministro dell'agricoltura, dell'industria e del commercio dal 26 dicembre 1905 all'8 febbraio 1906, nel secondo Governo Fortis. Il 4 aprile 1909 fu nominato senatore del Regno d'Italia. Fu commemorato in senato nella seduta del 29 aprile 1929.

OnorificenzeModifica

  Commentatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

BibliografiaModifica

  • AAVV, Malvezzi, storia genealogia e iconografia, Bologna 1996.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN67224409 · ISNI (EN0000 0000 6138 5355 · SBN IT\ICCU\UBOV\129855 · GND (DE11672384X · BAV (EN495/32330 · WorldCat Identities (ENviaf-67224409